Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Il-virus-si-diffonde-in-Europa-Cina-meno-contagi-nell-Hubei-4fe57577-703a-45d9-89d9-857b05b283a6.html | rainews/live/ | true
MONDO

L'emergenza nel mondo

Il virus si diffonde in Europa. Cina, meno contagi nell'Hubei

Oltre 1000 i contagiati negli Stati Uniti. Trump indirettamente ammette la pericolosità dell'emergenza coronavirus. Assicurazioni Usa copriranno costi test. Bild cita Merkel, 'si infetterà 60-70% popolazione'. Colpita il ministro della salute britannico Nadine Dorrie.

Condividi
Nel mondo ormai i contagi si stanno avvicinando a 110mila e hanno toccato oltre 100 Paesi. Con il primo caso registrato a Cipro, nessun Paese europeo può dirsi risparmiato dal virus, ma se i contagi continuano ad accelerare nel vecchio continente, in Cina e Corea del Sud si comincia a intravedere la fine del tunnel, con un calo dei contagi, ai minimi delle ultime settimane.

Bild cita Merkel, 'si infetterà 60-70% popolazione'
Il coronavirus sarà contratto da gran parte della popolazione, secondo la cancelliera tedesca Angela Merkel, citata in proposito dalla Bild. "Tra il 60 e il 70% della popolazione in Germania si infetterà con il virus", avrebbe detto Merkel nel corso di una riunione interna al gruppo parlamentare Cdu-Csu a Berlino, secondo quanto riporta il giornale. La cancelliera ha poi elogiato il comportamento del suo ministro della Salute Jens Spahn, "chiaro e concreto".

Germania, in un solo giorno 200 contagi in più
Cresce esponenzialmente il ritmo dei contagi in Germania: rispetto a ieri si registra infatti un balzo di 200 casi in più, stando alla somma dei contagi annunciati dalle autorità sanitarie in Nord-Reno Vestfalia, Baviera, Baden Wuerttemberg, Assia, Bassa Sassonia e Berlino. Il confronto viene fatto con le cifre fornite dal Robert Koch Institut (Rki), il maggiore centro epidemiologico del Paese, il cui bilancio di lunedì pomeriggio arrivava a 1139. Ben più alto il conteggio pubblicato dalla Zeit online, che incrocia i dati del Robert Koch Institut con le segnalazioni in arrivo dalle autorità sanitarie dei vari Laender e proprie ricerche: a detta del settimanale amburghese, l'attuale numero effettivo dei contagiati in Germania è di 1524 casi. Da parte sua, nella giornata odierna l'istituto non ha fornito nuove cifre, perché è in corso "un cambiamento tecnico" nel conteggio dei casi, come ha spiegato una portavoce dell'Rki. Solo in Nord-Reno Vestfalia - dove si registra il maggior focolaio del coronavirus in Germania - la crescita è stata di circa 100 casi a complessivi 580.

Usa Trump aiuti a compagnie aeree
Il presidente Usa, Donald Trump, ha annunciato "aiuteremo settore crociere e compagnie aeree" alle prese con gli effetti del Coronavirus. Trump e il vice Mike Pence incontrano alla Casa Bianca i dirigenti delle compagnie assicurative per affrontare l'emergenza.

Assicurazioni Usa copriranno costi test
Le compagnie assicurative private Usa hanno concordato di coprire i trattamenti per il coronavirus e di cancellare il co-pagamento per il test: lo ha annunciato il vicepresidente Mike Pence, che guida la task force americana contro l'epidemia. Le compagnie si sono impegnate anche a coprire i costi della telemedicina per i pazienti che possono essere curati senza uscire di casa.

Trump: "Minaccia pericolosa"
Seppure indirettamente, Donald Trump ammette la pericolosità dell'emergenza coronavirus, dopo avere  minimizzato il problema nei giorni scorsi. Il presidente Usa lo fa via Twitter, rispondendo al tweet di un suo sostenitore, che scrive: "Il  presidente ha il dovere di proteggere il popolo americano da due minacce ugualmente pericolose: 1) il coronavirus e 2) l'isteria di  massa che gli MSM (acronimo per main stream media, ndr) vogliono  creare col solo scopo di danneggiare politicamente il presidente". La  risposta di Trump al suo sostenitore è: "Vero, il numero 1 è più importante!".

Grecia, chiudono scuole e università
La Grecia chiude tutte le scuole e le università del Paese per contrastare l'epidemia di coronavirus. Lo ha annunciato il ministro della Sanità VassilisKikilias, precisando che al momento la chiusura durerà due settimane.Il ministro, citato da Cnn.gr, ha invitato tutti a comportamenti responsabili, preannunciando misure a sostegno dei genitori che lavorano.

A Malta 5 casi e prime misure restrittive
Sono cinque ad oggi i casi di coronavirus a Malta. Positiva al Covid-19 anche la figlia dell'uomo per il quale la malattia era stata accertata ieri. Secondo quanto riferisce il ministero della Salute la ragazza ha 16 anni ed è in buona salute. La famiglia era stata in vacanza in Trentino Alto Adige dal 23 al 27 febbraio ed era tornata a Malta transitando da Treviso. La giovane dopo il suo rientro non era andata a scuola. La madre della ragazza è invece risultata negativa al test. Tutti i casi positivi registrati a Malta sono di persone straniere che sono rientrate nel Paese dall'Italia. In una conferenza stampa, il primo ministro maltese Robert Abela ha menzionato le misure adottate recentemente dalle autorità sanitarie al coronavirus che ha colpito anche i paesi europei, in particolare il paese più vicino, l'Italia. Abela ha affermato che i cittadini dovrebbero seguire le precauzioni spiegate dalle autorità sanitarie e ha ribadito il bisogno di evitare viaggi nelle aree e nei paesi più colpiti dal virus. 

Tunisia, un nuovo caso confermato, 6 in tutto
La Tunisia annuncia un altro nuovo caso di coronavirus nel Paese che porta a sei il totale dei casi confermati. Si tratta, come ha spiegato il direttore generale dell'assistenza sanitaria di base presso il ministero della Sanità, del fratello di una persona risultata positiva al virus a Boumerdes, nel governatorato di Mahdia, precisando che lo stato di salute di questo nuovo paziente, attualmente in isolamento domiciliare, è stabile. Il sesto caso confermato di coronavirus è stato annunciato oggi in base agli esiti dei test condotti su 44 persone sospettate di aver contratto il virus. 

Algeria vieta tutti gli assembramenti pubblici
L'Algeria ha vietato tutti gli assembramenti nel Paese per eventi sportivi, cultura e politici. Il provvedimento di restrizione arriva nel tentativo di arginare la diffusione dell'epidemia.

In Iran i morti salgono a 291 (+54 in un giorno). La Cina invece vede diminuire i casi, tanto da rendere meno stringenti i limiti agli spostamenti nella provincia dell' Hubei. La diffusione del coronavirus frena ancora in Corea del Sud: i nuovi casi registrati ieri sono stati 131, al passo più lento delle ultime due settimane. Il totale delle infezioni è salito a 7.513. I decessi sono aumentati di 3 unità, a 54. Mentre i nuovi guariti sono 81 per totali 247. 

È salito a 35 il numero dei morti legati al coronavirus in Spagna. Lo riferisce El Pais, citando dati del ministero della Salute secondo cui i casi confermati sono 1.622 in tutto il Paese, di cui la metà a Madrid. Rispetto a ieri a mezzogiorno, sottolinea il sito del quotidiano spagnolo, il numero dei contagi è aumentato di quasi il 40%.

Contagi accelerano in Gb, ora a quota 373 
Continua la graduale accelerazione dell'epidemia di coronavirus anche nel Regno Unito, finora ultimo per numero di casi fra i Paesi maggiori dell' Europa occidentale. Secondo l'aggiornamento quotidiano del ministero della Sanità, il totale dei contagi censito a stamattina è salito a 373 persone contagiate, con un nuovo balzo di 64 in più rispetto a ieri. Il numero dei morti indicati al momento resta a 6, mentre i test eseguiti sono aumentati fino a 26.261.

I dati dell'Oms sull'Europa
Un totale di 1430 casi confermati di coronavirus (+363 rispetto al giorno precedente) sono stati registrati nei Paesi dell'Europa centrale e orientale, in Germania, Austria e Grecia, secondo i dati ufficiali delle autorità nazionali raccolti dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e aggiornati al 9 marzo. Nessun decesso è stato finora registrato nell'area.   

Casi confermati di coronavirus sono stati evidenziati in particolare in Germania (1112, +317 nelle ultime 24 ore), Austria (112, +10), Grecia (73, +7), Repubblica Ceca (32, +6), Slovenia(16, +4), Romania (15, +2), Croazia (11), Polonia (11, +5), Estonia (10), Ungheria (9, +2), Bielorussia (6), Slovacchia (5,+2), Bulgaria (4, +2), Macedonia del Nord (3), Lettonia (3 +2),Bosnia-Erzegovina (2), Albania (2, +2), Lituania (1), Serbia(1), Ucraina (1) e Moldova (1). L'Albania ha registrato i primi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore. Fino al 9 marzo incluso, l'Oms non ha conteggiato casi confermati di coronavirus solo in Kosovo e Montenegro.