Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Immigrazione-la-Germania-stanzia-3-miliardi-A-Vienna-arrivato-il-corteo-di-auto-con-i-profughi-b2d8afdd-9787-41b2-8321-9a626afdd69f.html | rainews/live/ | true
MONDO

Onu: "Stop alla xenofobia"

Immigrazione, la Germania stanzia 6 miliardi. A Vienna arrivato il corteo di auto con i profughi

I cittadini austriaci si sono mobilitati per dare un passaggio ai profughi che a piedi stanno lasciando l'Ungheria. Le autorità di Budapest: "Rischiano denuncia per traffico di esseri umani". La Germania, secondo fonti di stampa, velocizzerà le procedure per le domande di asilo

Condividi
Il governo tedesco metterà a disposizione degli Stati federati e dei Comuni sei miliardi di euro per far fronte agli arrivi record di profughi nel Paese. Verranno inoltre velocizzate, riporta la Bbc online, le procedure per le domande di asilo e verranno fornite ulteriori strutture per accogliere i profughi.

Intanto nella notte sono rientrati in Austria i volontari partiti da Vienna a bordo delle loro auto per recarsi in Ungheria a recuperare i profughi che tentavano di arrivare al confine. "Stiamo festeggiando coi migranti il successo del  corteo" hanno annunciato sui social i promotori dell'iniziativa #marchofhope. Alcuni di loro hanno scelto di viaggiare in 'blocchi' per ridurre il rischio di essere fermati dalla polizia ungherese.



"Traffico di esseri umani"
Alla notizia del corteo di auto è arrivato lo stop della polizia ungherese: se si trasportano profughi l'accusa è di traffico di esseri umani. Da gennaio in Ungheria sono arrivati oltre 165.000 profughi attraverso la rotta balcanica, certamente meno pericolosa di quella del Mediterraneo.

Ban Ki-moon: "Stop alla xenofobia"
Sulla crisi dei migranti, i Paesi dell'Unione europea "devono trovare velocemente un approccio comune per condividere equamente le responsabilita'" e per contrastare "con forza e senza alcun rinvio" ogni forma di violenza e razzismo. Il Segretario Generale dell'Onu Ban Ki-moon, in una serie di telefonate con leader europei, ha elogiato chi ha espresso preoccupazione per le crescenti manifestazioni di xenofobia, discriminazione e violenze contro migranti e profughi in Europa.