Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Israele-delegazione-in-Usa-per-ribadire-no-accordi-Vienna-Razzi-da-GazaScontri-a-Gerusalemme-97529bd9-f0b5-4ef5-b756-5f6291e4a8b1.html | rainews/live/ | true
MONDO

Tensione in Medio Oriente

Israele, delegazione in Usa per ribadire no accordi Vienna. Razzi da Gaza. Scontri a Gerusalemme

Decine di razzi dalla Striscia di Gaza su Israele. In risposta raid israeliani su obiettivi Hamas. Scontri ed arresti a Gerusalemme. Il premier Netanyahu ha convocato d'urgenza una riunione con il ministro della difesa Benny Gantz, e al termine della quale ha detto di aver dato ordine "di prepararsi ad ogni scenario"

Condividi
Una delegazione di sicurezza ad alto livello parte oggi per gli Stati Uniti per illustrare all'amministrazione Biden le ragioni dell'opposizione israeliana ai colloqui di Vienna sui progetti nucleari iraniani. La delegazione, ha precisato la radio militare, è guidata dal capo del Mossad Yossi Cohen e dal consigliere per la sicurezza nazionale Meir Ben Shabbat.

Doveva farne parte anche il capo di stato maggiore gen. Aviv Kochavi, ma ha preferito rinviare la partenza a causa delle tensioni con Hamas dopo i ripetuti lanci di razzi da Gaza verso Israele. 

Secondo l'emittente Israele è giunto alla conclusione che è molto ridotta la propria capacita' di influenzare la politica di Biden sul nucleare iraniano. in ogni caso, ha aggiunto, la delegazione chiarirà che Israele non si sentirà vincolato da intese che fossero raggiunte a Vienna.

Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ha lanciato un appello alla calma in seguito a diverse notti di scontri a Gerusalemme est fra ebrei, palestinesi e forze dell'ordine.

La situazione ha indotto il premier Benyamin Netanyahu a convocare d'urgenza una riunione con il ministro della difesa Benny Gantz e gli alti gradi dell'esercito.

Netanyahu ha avvertito che l'esercito è "pronto ad affrontare qualsiasi scenario" nella striscia di Gaza, dove almeno 30 razzi sono stati lanciati dai palestinesi in direzione di Israele nella notte fra venerdì e sabato.

A Gerusalemme est sono state spiegate alcune centinaia di agenti di polizia per evitare altri disordini. Sono state fermate diverse persone.

Almeno dieci palestinesi sono stati arrestati negli scontri avvenuti in serata con la polizia israeliana a Gerusalemme, nella zona della Porta di Damasco, riferiscono i media israeliani aggiungendo che sei sono rimasti feriti.

Le forze dell'ordine sono impegnate anche al checkpoint Qalandiya, in Cisgiordania, dove un centinaio di palestinesi ha lanciato bombe molotov e sassi in direzione degli agenti.

Sempre secondo i media israeliani, alcune centinaia di palestinesi stanno protestando lungo la striscia di Gaza per i disordini a Gerusalemme e le crescenti tensioni con Israele.