Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Istat-prezzi-import-dei-prodotti-industriali-a-marzo-piu-0-e-4-per-cento-124ea885-4df5-414c-a1a8-f3ae131a10f2.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Diminuisce del 3,8% nei confronti di marzo 2014

Istat: prezzi import dei prodotti industriali a marzo +0,4%

Al netto del comparto energetico l'indice aumenta dello 0,3% rispetto al mese precedente e dello 0,9% in termini tendenziali. Beni strumentali +0,7%

Condividi
A marzo l'indice dei prezzi all'importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,4% rispetto al mese precedente e diminuisce del 3,8% nei confronti di marzo 2014. Al netto del comparto energetico l'indice aumenta dello 0,3% rispetto al mese precedente e dello 0,9% in termini tendenziali. Sono i dati Istat.

I prezzi dei beni importati presentano, rispetto al mese precedente, variazioni positive dello 0,2% per l'area euro e dello 0,6% per l'area non euro. In termini tendenziali si registra una variazione nulla per l'area euro ed una diminuzione del 6,5% per quella non euro. 

Riguardo ai contributi settoriali alla dinamica tendenziale dell'indice generale, per l'area euro quello più rilevante deriva dai beni strumentali (+0,7%). Per l'area non euro il contributo più ampio proviene dall'energia (-7,6%). Il settore di attività economica per il quale si rileva l'aumento tendenziale dei prezzi più marcato è per l'area euro quello della fabbricazione di mezzi di trasporto (+4,2%) e per l'area non euro quello dell'industria del legno, della carta e stampa (+4,0%).