Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/La-Cina-provoca-gli-Usa-un-caccia-sfiora-un-aereo-spia-di-Washington-be785121-57e0-4b75-a509-4c27256de08d.html | rainews/live/ | true
MONDO

Incidente svelato nel giorno dell'arrivo del presidente Xi Jinping in America

La Cina provoca gli Usa, caccia sfiora aereo spia di Washington

Avvenuto 8 giorni fa a circa 144 km dalle coste della penisola di Shandong nel Mar Giallo, in pieno spazio aereo internazionale. Il Pentagono: manovra pericolosa. Tanti i precedenti

Condividi
foto di repertorio
Ennesima provocazione cinese e incidente sfiorato: un caccia di Pechino ha 'intercettato' un aereo spia statunitense passandogli a decine di metri davanti al 'muso'. Il preoccupante episodio di rinnovata tensione tra Stati Uniti e Cina è stato, non casualmente, svelato proprio nel giorno dell'arrivo del presidente Xi Jinping in America, a pochi giorni dall'attesissimo summit alla Casa Bianca con Barack Obama, anche se è avvenuto in realtà 8 giorni fa, il 15 settembre.

"Manovra pericolosa"
Un caccia Xian JH-7 ha incrociato la rotta di un Boeing RC-135 Rivet a circa 144 km dalle coste della penisola di Shandong nel Mar Giallo, in pieno spazio aereo internazionale. Lo riferisce il Pentagono che si limita a definire diplomaticamente la manovra come "pericolosa", fermandosi ad un passo dal definirla ostile.

La conferma di Pechino
Il portavoce del Pentagono, Peter Cook, non ha voluto fornire particolari ma ha confermato che l'incidente è avvenuto e che "il pilota ha riferito come l'aereo (da guerra cinese) sia passato davanti al suo al muso in un modo pericoloso".

Il precedente nel 2014
Cook ha sottolineato che l'incidente non è stato così pericoloso come quello dell'agosto del 2014 quando un altro caccia cinese è passato ad appena 7 metri da un aereo da ricognizione della Marina Usa, effettuando un giro completo di 360 gradi rispetto all'asse orrizontale intorno all'aereo Usa.

5 navi da guerra nelle acque statunitensi
In ogni caso si tratta dell'ennesima sfida e manifestazione di potenza militare di Pechino dopo che all'inizio del mese 5 navi da guerra, in un prima assoluta, sono penetrate nelle acque territoriali Usa (entro le 12 miglia nautiche) a largo dell'Alaska nel mare di Bering, mentre il presidente Barack Obama era nello Stato.

Nel 2001, equipaggio sequestrato
Nell'aprile del 2001 l'incidente peggiore: un caccia F-8 cinese si avvicinò ad un altro aereo da ricognizione Usa, un quadriturboelica Lockheed Ep-3 Orion, fino ad entrarci in collisione e precipitare in mare. Altri due caccia cinesi costrinsero l'aereo Usa, danneggiato ma ancora in grado di volare, ad atterrare sull'isola di Heinan. L'equipaggio fu trattenuto ed interrogato per giorni e l'aereo mai restituito.