Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/La-Juventus-allunga-ancora-e-vede-il-titolo-dei-record-67a80d2b-ed3b-438d-bf20-58c5451df666.html | rainews/live/ | true
SPORT

La Juventus allunga ancora e vede il titolo dei record

Condividi
di Claudio Presutti
Ormai ci siamo, la Juventus di Conte ha praticamente vinto il terzo scudetto di fila, il trentesimo della sua storia . I bianconeri di Conte, nel posticipo della 35.ma giornata, hanno infatti battuto 3-1 il Sassuolo al Mapei Stadium di Reggio Emilia. Quando mancano solo 3 turni, hanno ben 8 punti di vantaggio sulla Roma seconda, anche se alla penultima c’è lo scontro diretto all’Olimpico.  Dunque ai bianconeri, per festeggiare, basta fare almeno due punti nelle due partite interne contro Atalanta (lunedì 5 maggio) e contro il Cagliari nell’ultima di campionato.
 
Molto buona la partenza degli emiliani  che al 2’ spaventano Buffon con un bel tiro di Sansone finisce di poco a lato. E’ il preludio al vantaggio del Sassuolo che arriva al 9’:  da Sansone a Zaza che entra in area e batte Buffon, complice una deviazione sfortunata di Ogbonna. Al 18’ ancora i neroverdi pericolosi con una ubriacante azione di Sansone che, dopo aver saltato praticamente tutta la difesa bianconera, spara alto. La Juve poi comincia a farsi vedere in avanti e al 35’ pareggia con il solito Tevez (l’attaccante argentino sale a quota 19 gol nella classifica dei marcatori) che dal limite batte Pegolo, anche qui decisiva la deviazione di Longhi. Nel finale di primo tempo Buffon dice ancora una volta di no ad una buona giocata di Zaza, deviando di pugno in angolo (41’).
 
Nella ripresa da segnalare subito una tambureggiante azione della Juventus senza però esito. Al 56’ al tiro ancora Sansone: alto di poco. Bianconeri in vantaggio al  58’ con Marchisio che al volo di piatto appoggia in rete un delizioso assist di Pirlo, lesto a trovare l’imbucata dopo aver recuperato palla appena fuori area. Al 67’ ancora pericoloso Marchisio con un bel tiro da fuori, ma Pegolo respinge. Di Francesco, tecnico degli emiliani, mette un quarto attaccante, Floccari, per dare una mano al trio Zaza-Floro Flores-Sansone. La Juve soffre, il Sassuolo spinge alla ricerca del pari, , ma i bianconeri prima sfiorano il tris con Tevez (centrando la traversa al 73’), poi lo ottengono con una grande giocata di Llorente che di tacco, su invito di Liechsteiner, batte Pegolo per la terza volta (76’) . E’ il gol numero 15 per la punta spagnola.  Sui piedi di Floccari c’è l’occasione per provare a riaprire il match, ma, dopo uno splendido stop, l’ex Lazio si vede respingere il tiro da Buffon (81’).  Nel finale Tevez cerca la doppietta ma, dopo una serie ubriacante di dribbling, spara alle stelle (89’). E la partita si chiude lì. I tifosi della Juve fanno festa, quelli del Sassuolo lasciano lo stadio quantomeno soddisfatti per la prova dei loro giocatori,  che hanno ancora la possibilità di ottenere una (difficile) salvezza.