Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Libia-le-Brigate-di-Misurata-scacciano-isis-da-SIrte-Egitto-chiede-aiuto-a-Onu-910a10fd-8568-4cb7-bc9f-52fad309cfcc.html | rainews/live/ | true
MONDO

Guerra al Califfato

Libia: le Brigate di Misurata scacciano l'isis da SIrte. L'Egitto chiede aiuto all'Onu

Usa e Ue: "Soluzione diplomatica". In Iraq nuovo orrore degli uomini del califfato: arse vive 45 persone. Riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu. Gentiloni sente Kerry poi riferisce alle Camere

Condividi
Roma
Le Brigate di Misurata, che sostengono il governo "parallelo" di Tripoli, hanno annunciato su Twitter che una loro unità chiamata "Forza 166" sarebbe riuscita a "liberare Sirte" dai jihadisti dell'Isis. Di segno del tutto opposto i tweet dei seguaci del Califfato nero che sostengono il contrario dicendo che sarebbero gli uomini di al Baghdadi a essere in "cammino" per liberare Misurata. 

Continua l'offensiva egiziana
La guerra contro il Califfato continua. L'ira egiziana esplosa dopo la decapitazione dei 21 cristiano-copti da parte dell'Is ha spinto il governo del Cairo a lanciare un'offensiva aerea contro le postazioni del califfato in Libia. Tanto più che, secondo una notizia diffusa dal Lybia Herald, altri 35 egiziani sarebbero stati rapiti in diverse aree dalla Libia dai miliziani dell'Is o da gruppi legati allo Stato islamico.

Intervento sotto l'egida dell'Onu
Intanto Europa e Usa si schierano apertamente per una soluzione politica della crisi libica, in un apparente no alla richiesta egiziana al consiglio di sicurezza dell'Onu di autorizzare l'intervento militare nello stato nordafricano sconvolto dalla guerra.

Egitto chiede intervento militare dell'Onu
Il presidente Abdel Fattah al-Sisi ha detto che "non c'è scelta" se non quella di creare una coalizione globale per combattere gli estremisti islamici in Libia. La questione verrà affrontata dal Consiglio di sicurezza Onu oggi, su richiesta del ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry, che vuole un "pieno sostegno" e l'autorizzazione all'uso della forza contro i jihadisti in Libia.

Riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza Onu
I Paesi arabi si sonodetti favorevoli, pur sottolineando che l'invio di una forza 
militare richiede l'assenso del governo libico, abbastanza difficile da ottenere visto che in Libia oggi siedono due parlamenti e due governi rivali, uno con legami con gli islamisti, l'altro riconosciuto dalla comunità internazionale.

"Necessaria soluzione politica"
I Paesi occidentali sembrano aver preso le distanze dalle richieste egiziane, affermando che il tentativo negoziale sotto l'egida Onu è la "migliore speranza" per la pace. In una nota emessa ieri sera Italia, Usa, Gran Bretagna, Francia, Germania e Spagna affermano che la decapitazione dei copti "sottolinea ancora una volta l'impellente necessità di una soluzione politica del conflitto, la cui prosecuzione va a beneficio esclusivo dei gruppi terroristici, ISIS compreso".

La posizione dell'Italia
Ieri sera il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha sentito telefonicamente il segretario di Stato americano John Kerry per discutere sull'evoluzione della situazione libica. Nell'incontro di ieri a Palazzo Chigi tra Renzi e i ministri competenti è stato ribadito l'impegno italiano per una forte azione diplomatica in ambito Onu e il sostegno a una iniziativa urgente al Consiglio di Sicurezza che promuova stabilità e pace in Libia. Linea confermata anche in una telefonata con Francois Hollande. Il governo italiano ha rafforzato le misure di sicurezza: 4.800 militari impiegati nella protezione degli obiettivi sensibili. 

L'Unione europea: incoraggiare il dialogo politico
Anche il capo della diplomazia europea Federica Mogherini ha ribadito che l'Ue resta convinta che sia ancora necessario incoraggiare il dialogo politico fra le diverse parti libiche, spingendole a sedersi a un tavolo come sta cercando di fare il rappresentante speciale dell'Onu Bernardino Leon.

Hamas contrario
Contro l'ipotesi di un intervento militare internazionale si è schierato Hamas che da Gaza ha respinto le ingerenze "di alcuni Paesi come l'Italia" che hanno intenzione di
"intervenire negli affari interni della Libia con il pretesto di combattere il terrorismo" ma sarebbe solo "una nuova crociata".

Quattro gendarmi uccisi in Tunisia
Tutta l'area nord africana è sotto pressione. Quattro gendarmi tunisini sono stati uccisi nella notte in un attacco terroristico, vicino al confine con l'Algeria in una zona dove è attivo un gruppo jihadista. Lo ha detto il ministro degli Interni tunisino.

In Iraq arse vive 45 persone
Ieri in Iraq occidentale l'ultimo orrore dei miliziani dell'Isis, che hanno bruciato vive 45 persone ad al-Baghdadi, a soli 8 km dalla base aerea di Ain Al-Asad, dove 320 marines americani stanno addestrando i soldati della VII divisione irachena.