Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Maltempo-allerta-rossa-nel-Nord-e-centro-Italia-ancora-nubifragi-e-forte-vento-355f78ed-4e3b-4bf5-b509-eba868c3a1da.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Strade allagate e alberi caduti

Maltempo, allerta rossa nel Nord e centro Italia: ancora nubifragi e forte vento

Alto rischio idrogeologico su tutti i settori alpini e prealpini. Prolungata fino a martedì l'allerta rossa in Liguria. In nottata e nella giornata di domani attese le piene dei fiumi Adige e Piave

Condividi
Continua l'intensa fase di maltempo su molte regioni italiane. Per oggi sono previste piogge forti e incessanti su tutti i settori alpini e  prealpini del Nord, su Liguria, Toscana e Lazio. Piogge e temporali poi colpiranno anche il Sud, in particolare la Campania, la Sicilia  e la Calabria ionica. In molte zone del nord e del centro Italia allerta "rossa", sia per il rischio di violenti nubifragi e per le ripercussioni idrogeologiche. Strade allagate e alberi caduti. A Roma e provincia, come in molte altre regioni e città italiane le scuole sono rimaste chiuse. 

Albero cade su due auto: due morti in provincia di Frosinone
Due persone sono morte in seguito alla caduta di un albero che ha investito l'auto su cui viaggiavano. È avvenuto, secondo quanto ha riferito la Croce Rossa al Dipartimento della Protezione Civile, a Castrocielo, in provincia di Frosinone. 

Conte firma stato mobilitazione della Protezione civile
Il presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha firmato la dichiarazione dello stato di mobilitazione del Servizio nazionale della protezione civile per l'ondata di maltempo sull'Italia, accogliendo così la richiesta del presidente della Regione Veneto. La mobilitazione straordinaria consente il coinvolgimento coordinato delle colonne mobili delle altre Regioni e Province autonome, del volontariato organizzato di protezione civile e delle strutture operative nazionali, attraverso il coordinamento del Dipartimento della protezione civile nazionale.

Prolungata allerta rossa in Liguria 
Il presidente della Regione Toti, il sindaco Bucci e l'assessore alla Protezione civile Giampedrone hanno annunciato la proroga  dell'allerta meteo rossa in gran parte della Liguria, dove Val di Vara, Cinque Terre e spezzino sono state le zone al momento più colpite dalle forti piogge, con un picco a Monterosso di 140 millimetri da mezzanotte dove il sindaco Emanuele Moggia ha ordinato l'evacuazione di abitazioni e negozi ai piani terra e seminterrati del centro storico. E' esondato il torrente Gravegnola nei pressi di Rocchetta Vara nello Spezzino e sono state chiuse le strade provinciali, fuori dall'abitato, dove si sono verificati allagamenti ed erosioni delle sponde.  Il torrente fa paura anche a Brugnato dove ha scalzato parte della scogliera. Alcune persone sono state tratte in salvo dai vigili del fuoco con il gommone, in particolare in prossimità di sottopassi o di strade allagate in città, in val di Vara e Cinque Terre. A Riccò del Golfo, una mamma e un bambino sono stati estratti da un'auto in difficoltà lungo la strada allagata. Una forte mareggiata stacolpendo anche le Cinque Terre.  L'allerta nello spezzino è prolungata fino alle 15 di domani, scuole ancora chiuse. A Genova e Savona fino a mezzanotte di oggi, nelle valli Aveto, Trebbia e Scrivia fino alle 6 di domattina. 

Chiuso passo del Sempione tra Italia e Svizzera
E' stato chiuso, per il maltempo, il passo del Sempione che collega l'Ossola al Canton Vallese. Le autorità svizzere hanno deciso di chiudere il valico (2000 metri di altitudine) a causa delle pessime previsioni meteo che prevedono per oggi neve e piogge abbondanti a cavallo tra il Vallese e le valli ossolane.  Il traffico è interdetto per 24 ore, dalle 10 di stamattina sino alle 10 di domani.  Nei Comuni del Verbano Cusio Ossola, in accordo con la Prefettura, sono state messe in allarme le squadre di Protezione civile.

Strade chiuse in Trentino




Allagamenti su A1, mezzi scortati
Mezzi scortati sull'A1 Milano-Bologna nel tratto tra Piacenza e il bivio per la diramazione Fiorenzuola a causa di un allagamento. Lo rende noto Luceverde su Twitter.

Frana nel Bergamasco, 5 famiglie fuori casa
A Vilminore di Scalve cinque famiglie sono fuori casa a causa di una frana che minaccia le loro abitazioni, mentre il sindaco Pietrò Orrù ha deciso di chiudere le scuole.  In valle Seriana tre ponti sul fiume Serio sono transennati, quindi chiusi per automezzi e pedoni: si tratta dei ponti di Albino in viale Stazione, quello che collega Nembro a Pradalunga e Gavarno e dell'ex ponte ferroviario, ora ciclabile, di Ponte Nossa.  Alcune altre strade risultano poi bloccate in alta Valle Seriana, mentre in valle Brembana è sorvegliato speciale il fiume Brembo, che ha superato la portata massima.

A Milano diversi alberi caduti. Uno di essi ha colpito un'auto in transito in viale Toscana sulla circonvallazione esterna. La vettura è stata presa in pieno e il guidatore, un giovane di 25 anni, colpito e poi portato in codice giallo in ospedale. Un'altra pianta è caduta in via Gian Galeazzo provocando la chiusura di quel tratto di strada. In via Santa Sofia invece la circolazione è stata interrotta per una grossa buca che si è creata nei pressi del cantiere della linea 4 della metropolitana.

Emilia Romagna, allerta rossa sulla costa ferrarese
Prosegue il maltempo anche in Emilia-Romagna con un'allerta della protezione civile fino alla mezzanotte di domani, martedì 30 ottobre. La situazione più critica si prevede per lo stato del mare (codice rosso) sulla costa ferrarese, dove al largo l'altezza delle onde potrà raggiungere picchi attorno ai quattro metri e si temono mareggiate.  Continueranno inoltre le piogge con alta intensità su tutto il settore occidentale della regione, più accentuate sulle aree montane e pedemontane. Previsti venti di burrasca forte sui settori appenninici.

Piemonte, scuole chiuse in diversi centri
Scuole chiuse oggi in provincia di  Alessandria, in via cautelativa, a seguito dell'allerta arancione per la forte perturbazione che sta interessando, in  particolare,  il nord e il sud est del Piemonte. Le scuole sono chiuse  ad Alessandria città e ad Arquata Scrivia, Vignole Borbera, Borghetto Borbera, Bistagno, Rocchetta Ligure, Acqui Terme. Dalla sala operativa  della Protezione Civile piemontese.

Scuole chiuse anche in Veneto
Stato di allerta in Veneto, dove è interessata in particolare la Laguna di Venezia, per il rischio di acqua alta eccezionale, e il Veneto orientale, per l'ingrossamento dei principali corsi d'acqua.



Il Comune e la Città metropolitana di Venezia oggi e domani terranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado.

Il maltempo e i forti venti di scirocco hanno portato come previsto a un livello record di
acqua alta: confermati alle 15 i 160 centimetri di altezza che erano stati previsti del Centro previsioni e segnalazioni maree del Comune di Venezia. Una punta massima che si traduce nel 70% dei percorsi pedonali allagati.




Disposta anche la chiusura delle scuole nelle province di Belluno, Vicenza, Treviso, Padova.

Toscana, tromba d'aria e alberi caduti e danni alle abitazioni
Nel Senese alberi caduti e tetti scoperchiati, soprattutto fra Siena e Sovicille. Tromba d'aria fra Barontoli e Carpineto. Decine di interventi dei Vigili del Fuoco.



Scuole chiuse nei comuni della costa livornese e di quella grossetana. 


Friuli, nuove piogge e forte vento
Nuove piogge abbondanti, con vento di scirocco intenso su Alpi e Prealpi Carniche, dove entro mezzanotte dovrebbero cadere 250-300 mm nell'arco di 12/18 ore,mentre sulla bassa pianura e lungo la costa le piogge saranno intermittenti e più moderate, ma dove lo Scirocco soffierà in serata con raffiche superiori ai 100 km orari sulla costa e 150 km sulla zona montana in quota. E' l'allerta meteo diffusa questa mattina dalla Protezione civile, il cui bollettino prevede il passaggio del fronte principale del maltempo dopo mezzanotte, con piogge e temporali diffusi anche su pianura e costa e vento in rotazione a Libeccio e relativa attenuazione. Segnalati allagamenti a Fiumicello, Villa Vicentina, Sagrado; a Pordenone chiuso un sottopasso ferroviario sulla SP70, a San Leonardo caduti alberi. Monitorati i livelli dei fiumi Meduna e Tagliamento. 

Alberi caduti a Roma, chiuse tutte le scuole
Alberi e rami caduti in strada in diverse zone di Roma a causa del maltempo. Chiuse al traffico diverse strade per la caduta di alberi e rami sulla carreggiata. Rami e alberi in strada all'Eur, a San Giovanni, a Prati, Trionfale, e in molti altri quartieri della città.



Un caposquadra del distaccamento Eur dei vigili del fuoco è rimasto ferito durante un intervento per il maltempo. Colpito ad una spalla dal ramo caduto da un albero, è  stato trasportato all'ospedale S. Eugenio.

Le scuole di ogni ordine e grado nella città di Roma resteranno chiuse per gli studenti, la sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato un'ordinanza che prevede la sospensione dell'attività educativa e scolastica, compresi asili nido e scuole dell'infanzia, su tutto il territorio cittadino. Gli istituti saranno comunque presidiati dai dirigenti scolastici e dai funzionari comunali dei servizi educativi e scolastici.

A causa del maltempo, è "temporaneamente sospeso l'ingresso al Parco archeologico del Colosseo". La decisione è stata presa dalla direzione del Parco per motivi di sicurezza legati al forte vento. L'ingresso resterà chiuso "fino a mutate condizioni".

All'Idroscalo di Ostia è salito il livello dell'acqua e per questo si starebbe valutando l'evacuazione dell'area.

Abruzzo, Pescara: albero cade su auto in sosta, ferita una donna 
A causa del forte vento, un albero è finito su un'auto in via Avezzano, a Pescara. Una donna di 49 anni è rimasta ferita ed è finita in ospedale, dove i medici la stanno sottoponendo ad un intervento chirurgico. Sul posto sono interventi anche i vigili del fuoco e gli agenti della polizia municipale e della polizia di Stato.

Golfo di Napoli, stop ai collegamenti con Capri, Ischia e Procida
Capri è attualmente isolata a causa del maltempo. I collegamenti marittimi da Napoli e da Sorrento verso l'isola azzurra sono, infatti, interrotti da questa mattina per le proibitive condizioni meteo-marine. Stop sia ai mezzi di navigazione veloce che ai traghetti.   Sull'isola soffia un forte vento di scirocco e il mare si presenta agitato. Sono stati tutti sospesi i collegamenti tra Ischia e la terraferma. Oltre agli aliscafi,già fermi nei porti da ieri, anche le navi della Caremar e della Medmar sono rimaste attraccate in banchina per il forte vento di scirocco. Lo conferma il comandante della Guardia Costiera di Ischia, tenente di vascello Andrea Meloni. A Ischia Porto, Barano, Serrara Fontana e Forio scuole chiuse.

Tromba d'aria nel Tarantino
Oggi scuole chiuse a Manduria in provincia di Taranto dopo la tromba d'aria che ieri sera si è abbattuta sul centro ionico. Lo ha dispposto il Comune per verificare se il maltempo ha causato danni alla solidità  e agibilità degli edifici scolastici. La furia del vento ha fatto crollare, riducendola in calcinacci, la parte superiore della chiesa di San Michele Arcangelo a Manduria.E' il danno più evidente avutosi in paese che per il resto registra alberi divelti, insegne divenute instabili e crollo di altre murature. Danni ad alcune auto in sosta.

Sardegna, Alghero chiede stato di calamità
"I danni, soprattutto ai privati,sono diffusi: per questo motivo chiederò alla Regione di dichiarare lo stato di calamità per l'eccezionale grandinata che questa mattina si è abbattuta sul territorio di Alghero". Lo dice il sindaco Mario Bruno, dopo un primo monitoraggio della situazione. Mareggiata sulle coste meridionali dell'isola. La spiaggia del Poetto e il litorale di Quartu risultano allagati. Ad Oristano i Vigili del Fuoco sono intervenuti in città e  Provincia per mettere in sicurezza alberi sradicati e rami spezzati  dal vento. A Cagliari un ramo, in particolare, è caduto in via Barone Rossi colpendo tre auto in sosta e danneggiandole. Una persona che transitava nella zona è rimasta lievemente ferita alla testa. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti della polizia municipale.

Palermo, alberi e tettoie cadute: un ferito
Volano rami e calcinacci a Palermo. Il forte vento che spazza da ore la città ha abbattuto alberi, spezzato rami, finiti in vie e marciapiedi, provocato il cedimento di calcinacci e tettoie in numerose parti della città. Decine gli interventi dei vigili del fuoco per liberare strade e mettere in sicurezza edifici. In alcuni casi i tronchi hanno colpito le auto. Un albero e' caduto nel cortile dello Scientifico "Rutelli". Mentre in corso Tukory stato segnalato il ferimento lieve di un migrante colpito da un tronco spezzato e soccorso da un'ambulanza del 118. In tilt i collegamenti aerei e marittimi, con ritardi, cancellazioni e voli dirottati.

Le previsioni per i prossimi giorni
Domani il tempo comincerà a migliorare in Pianura padana, ma sulle  Alpi tornerà la neve e questa volta sopra i 1000-1200 metri di quota.   E per i prossimi giorni nulla di buono in vista, infatti da mercoledì 31 una nuova perturbazione atlantica comincerà a bagnare nuovamente il Nordovest per poi  investire tutta l'Italia nella giornata di giovedì 1 novembre, giorno di Ognissanti. Soltanto nel weekend il sole potrebbe tornare a far capolino.