Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Messi-Vomito-in-campo-e-non-so-perche-d9fc333e-f902-4e81-857a-9d7ccf85686c.html | rainews/live/ | true
SPORT

Il fuoriclasse argentino colpito da conati già sette volte

il male misterioso del campione. Messi: "Vomito in campo e non so perché"

L'ultimo episodio durante l'amichevole con la nazionale a Bucarest. L'allenatore del Barcellona: "E' stato visitato da specialisti ma ancora non è stata individuata l'origine di quanto accade"

Condividi
Lionel Messi (ansa)
“Vomito in campo ma non so perché”. Non trova spiegazione ai suoi disturbi di stomaco Lionel Messi, che nel match di mercoledì contro la Romania ha avuto a una crisi di vomito in campo.

Un incidente accaduto al settimo minuto, dopo aver passato la sua prima palla sul prato dello stadio di Bucarest e che ovviamente ha destato molta preoccupazione in Argentina e a Barcellona.

La stampa sudamericana ha ricordato come due settimana fa, durante l’incontro di Copa del Rey tra i catalani e la Real Sociedad le telecamere avevano mostrato una scena simile e l'episodio si era ripetuto con la maglia ‘albiceleste’ in Bolivia (era il marzo del 2013), e in precedenza quattro volte con la maglia del Barcellona, contro Real Madrid, Siviglia, Levante e Real Sociedad tra il 2011 e il 2012.

L’allenatore dei blaugrana, Tata Martino, ha sottolineato invece che i conati di vomito di cui soffre durante le partite la ‘Pulce’ ''non sono normali, però non influiscono sulle prestazioni''. Una consolazione parziale per il tecnico che ha anche aggiunto: “Leo è stato visitato da specialisti. Ancora non è stata individuata l'origine di quanto accade, quindi non chiedetelo a me”. Visite confermate anche dallo stesso fuoriclasse argentino che però ancora non riesce a capirne la ragione: “Mi sono sottoposto a migliaia di esami, non so di cosa si tratti. Mi capita dopo le partite, durante gli allenamenti quando sono a casa. Non so bene cosa sia, mi capita e poi passa”.