Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Minaccia-di-ritirare-scorta-a-Saviano-equivale-a-intimidazione-di-stato-dice-Consiglio-d-Europa-9905f021-83e4-45ad-b3e5-703c68869741.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Il caso

Minaccia di ritirare scorta a Saviano "equivale a intimidazione di stato", dice Consiglio d'Europa

La piattaforma per la protezione dei giornalisti  alza il livello di allerta dopo il video pubblicato il 29 maggio sul profilo facebook di Matteo Salvini. Nel video il ministro manda un bacio alla telecamera, dicendo 'Un bacio a Saviano, sto lavorando a una revisione dei criteri per le scorte che ogni giorno in Italia impiegano più di duemila lavoratori delle forze dell'ordine'

Condividi
"Il 29 maggio 2019, il vice primo ministro e ministro dell'Interno Matteo Salvini ha pubblicato un video su Facebook in cui minacciava il giornalista Roberto Saviano di ritirargli la protezione dalla mafia. Saviano è sotto costante scorta della polizia dal 2006, dopo aver pubblicato il libro 'Gommora', denunciando le pratiche della camorra, la mafia napoletana".

Lo scrive il Consiglio d'Europa aggiungendo la minaccia di Salvini a Saviano di togliergli la scorta fra le allerte della piattaforma per la promozione del giornalismo e della sicurezza dei giornalisti, nella categoria 'persecuzioni e intimidazioni nei confronti dei giornalisti' attribuibili allo Stato.

"Nel video - si legge ancora -, Matteo Salvini manda un bacio alla telecamera, dicendo 'Un bacio a Saviano, sto lavorando a una revisione dei criteri per le scorte che ogni giorno in Italia impiegano più di duemila lavoratori delle forze dell'ordine'.

Non è la prima volta che Salvini minaccia Saviano di togliergli la scorta. Nel 2017 aveva già dichiarato di voler 'valutare se ci fosse qualche rischio' che giustificasse le misure di sicurezza per Saviano, 'per capire dove andava a finire il denaro degli italiani'".