Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Monossido-di-carbonio-killer-6-morti-in-24-ore-90493bf7-e0a4-4888-97b9-60cddf0b3fba.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Vignole Borbera, Dignano e Savona

Monossido di carbonio "killer" 6 morti in 24 ore

Tre vittime nell'Alessandrino - un uomo di 47 anni, la compagna di 44 e il figlio ventenne - due in Friuli - un'anziana coppia di coniugi - e una a Savona, dove è morta intossicata una donna 

Condividi
Vignole Borbera
Sei persone sono morte nelle ultime 24 ore a causa di esalazioni di monossido di carbonio da stufe o caldaie malfunzionanti.

Famiglia intossicata in Piemonte, 3 morti
Tre le vittime, appartenenti alla stessa famiglia, a Vignole Borbera, in provincia di Alessandria.  Secondo le prime informazioni, si tratta di un uomo, la compagna e il figlio ventenne. L'allarme è scattato nel pomeriggio, ma il decesso potrebbe risalire alla scorsa notte. Sul posto con i vigili del fuoco stanno operando i carabinieri. E' intervenuto anche il 118.

E' stato un vicino di casa a chiamare il 112. Sempre secondo le prime informazioni, a causare l'intossicazione da monossido sarebbe stato il malfunzionamento di una caldaia a metano all'interno della vecchia casa in cui si trovava la famiglia. Le salme delle tre vittime - 47 anni l'uomo, 44 la compagna e 20 il figlio del primo - sono a disposizione dell'autorità giudiziaria, che disporrà l'autopsia. 

Due anziani coniugi morti in Friuli
Una coppia di anziani coniugi è invece morta a Dignano (Udine), sempre a causa di una intossicazione da monossido di carbonio, sprigionatosi probabilmente dagli apparecchi a gas con cui veniva riscaldata l'abitazione. A trovare i corpi dei due anziani, riversi a terra, è stata questa mattina la figlia. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco del comando di Udine e i sanitari, i quali non hanno potuto fare altro che riscontrare la morte di entrambi.

Donna muore per intossicazione a Savona
E stamani una donna di 58 anni è morta a Savona. Anche lei è rimasta intossicata dal monossido. La cognata, che ha trovato il corpo della donna, è ricoverata in gravi condizioni all'ospedale San Paolo, forse in conseguenza dell'esposizione allo stesso gas. E' successo intorno a mezzogiorno nell'appartamento della vittima, in via Ceva. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Savona e i volontari del soccorso di Albisola Marina insieme con gli operatori del 118.