Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Navi-americane-si-spostano-verso-penisola-coreana-698779b5-2198-45a5-9ef3-c99ac50f4ba0.html | rainews/live/ | true
MONDO

In risposta alle provocazioni di Pyongyang

Cnn: navi da guerra americane si spostano verso la penisola coreana

All'inizio di questa settimana, la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico nel mare orientale. Trump chiama il premier giapponese Abe

Condividi

Una flotta di portaerei Usa si sta muovendo verso la penisola coreana, nel Pacifico occidentale. Lo hanno reso noto fonti del Pentagono, confermando le notizie diffuse dai media Usa nella serata di ieri. La decisione del comando statunitense è  rivolta al regime NordCoreano e mostra l'intenzione di Washington di mobilizzarsi contro le ambizioni nucleari di Pyongyang.

All'inizio di questa settimana, la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico nel mare orientale, a poche ore dall'inizio del summit fra il presidente Trump e l'omologo cinese Xi Jinping a Mar-a-Lago dove i due leader hanno affrontato la questione nucleare della Corea del Nord.

"Il comando del Pacifico degli stati Uniti ha ordinato al gruppo aeronavale di portaerei Carl Vinson di mobilizzarsi come misura di prudenza per mantenere la sua dispozione e presenza nel Pacifico", ha spiegato un portavoce del Pentagono. "La principale minaccia nella regione continua a essere la Corea del Nord, a causa della suo irresponsabile e destabilizzante programma nucleare", ha aggiunto.



Il gruppo di navi da guerra Carl Vinson, sotto il controllo della terza forza del Pacifico Orientale, ha sospeso una missione prevista in Australia per dirigersi in acque vicine alla penisola coreana dove già era stata di stanza un mese fa per partecipare alle manovre militari annuali assieme alla marina della Corea del Sud.

Trump chiama il premier giapponese: ribadita collaborazione contro il nucleare
Stati Uniti e Giappone sono tornati a ribadire la loro cooperazione contro il programma missilistico e nucleare della Corea del Nord. e lo hanno fatto in telefonata, durata 45 minuti, tra il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Entrambi i leader hanno sottolineato l'importanza di uno stretto coordinamento, secondo fonti citate da media locali giapponesi.