Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Nsagate-007-spiavano-anche-mogli-e-fidanzate-2adaf862-f1f7-4a5e-acde-b443c3d944a3.html | rainews/live/ | true
MONDO

Nuovi particolari imbarazzanti

Nsagate: gli 007 spiavano anche le loro mogli e fidanzate

Usavano gli strumenti a loro disposizione, computer e reti, non solo per intercettare nemici o capi di Stato di Paesi amici (come Angela Merkel) ma anche privatamente per spiare mogli e fidanzate. E' quanto merge dalle carte diffuse dalla Nsa (National Security Agency) sulle attività dalla metà 2001 - prima dell'11 settembre - al 2013

Condividi
Stati Uniti
Emergono nuovi particolari imbarazzanti sul Nsagate: gli 007 dell'agenzia di spionaggio elettronico Usa usavano gli strumenti a loro disposizione, computer e reti da miliardi di dollari, non solo per intercettare, come era loro ordinato, nemici o capi di Stato di Paesi amici (come Angela Merkel). Ma anche privatamente per spiare mogli e fidanzate. E' quanto emerge dalle carte che la stessa Nsa (National Security Agency) ha diffuso sulle attività dalla metà del 2001 - prima dell'11 settembre - al 2013.

Nel 2009 un sergente dell'esercito venne punito e degradato dopo essere stato pizzicato ad usare le strutture della Nsa "per intercettare la moglie", scrive il Wall Street Journal. In un caso simile un analista della Nsa nel 2012 "ha effettuato ricerche sul telefono della moglie, a sua insaputa, ottenendo nomi e numeri di telefono dei suoi contatti per continuare a spiarli". 

I dati sono stati desecretati dalla Nsa obbendendo a un decreto presidenziale emesso in seguito a una richiesta effettuata in base alla "Freedom of Information Act". La legge, che risale al 1996, ed è stata aggiornata proprio per consentire l'accesso agli archivi elettronici, ha aperto a giornalisti e studiosi l'accesso agli archivi e agli atti degli organismi e delle agenzie governativi, anche quelli in parte coperti da segreto di Stato. Gli estratti vengono diffusi con molti 'omissis'. L'inizitiva è partita dall'associazione American Civili Liberties Union.