Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Obama-Faro-di-tutto-per-chiudere-Guantanamo-3f829859-ff87-40b8-9066-1dd55dec68fd.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il presidente Usa alla Cnn

Attacchi hacker alla Sony, Obama: "E' cyber-vandalismo, non guerra"

"Valutiamo di reinserire la Nord Corea nella lista degli Stati che sponsorizzano il terrorismo" ha dichiarato il presidente durante un'intervista. Obama ha parlato anche di Guantanamo, "da chiudere perché contrario ai nostri valori"

Condividi
Ap photo
"Farò tutto quanto in mio potere per chiudere Guantanamo". A dirlo è il presidente Usa Barack Obama che in un'intervista esclusiva alla Cnn parla dei principali temi che riguardano gli Stati Uniti e non solo.

Guantanamo "è contrario ai nostri valori"
"E' qualcosa che continua ad ispirare jihadisti ed estremisti nel mondo, il fatto che questi detenuti siano tenuti prigionieri. E' contrario ai nostri valori", ha aggiunto, rilanciando l'impegno di chiudere la prigione, che aveva già fatto all'inizio del suo mandato.

L'attacco alla Sony e agli Usa
Gli Stati Uniti - dichiara il presidente - stanno inoltre valutando se reinserire la Corea del Nord nella lista degli Stati che sponsorizzano il terrorismo. Il riferimento è all'attacco informatico contro Sony Pictures Entertainment, che non sarebbe stato - specifica - un atto di guerra, ma un esempio molto costoso di cybervandalismo. Gli Stati Uniti hanno infatti attribuito l'attacco a Pyongyang. Obama ha inoltre detto che gli Stati Uniti esamineranno i fatti per decidere se la Corea del Nord rientri nella lista, da cui era stata eliminata nel 2008.

I rapporti con Cuba
Il riferimento è poi al piano di normalizzazione delle relazioni americane con Cuba, che darebbe agli Stati Uniti una possibilità di influenzare gli eventi, in un importante momento di cambiamento per il Paese socialista. A dirlo il presidente. Mezzo secolo trascorso a tentare di cacciare il governo di Castro attraverso l'isolamento non ha funzionato, ha ribadito Obama, aggiungendo che la sua amministrazione sta valutando se rimuovere l'Avana dalla lista nera degli Stati che sostengono il terrorismo, perché il fatto che vi rientri rende difficili cercare rapporti più stretti.