Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Olimpiadi-2026-Malago-Torino-puo-ripensarci-tempo-Zaia-Ultimo-appello-a-Appendino-c951bb78-c14d-495c-8fcd-f0f3f5c43649.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Radio Anch'io

Olimpiadi 2026. Malagò: "Torino può ripensarci, c'è tempo". Zaia: "Ultimo appello a Appendino"

Milano-Cortina: questa la proposta che oggi il Coni porterà a Losanna, dove il Cio attende una bozza definitiva in vista della sessione di Buenos Aires che a ottobre ufficializzerà le candidature per le Olimpiadi invernali del 2026. Saltata l'ipotesi a tre con Torino: "è mancata la giusta condivisione", spiega il sottosegretario Giorgetti. Appendino ribadisce: "errore candidatura a 3" 

Condividi
Con una candidatura a due ''è sicuro che l'Italia ha meno possibilità di vincere, non avendo le garanzie del Governo''. Così il presidente del Coni Giovanni Malagò ai microfoni di Radio Anch'io su Radio lasciando ancora aperto uno spiraglio per un ripensamento di Torino a rientrare nel tridente per organizzare le Olimpiadi invernali del 2026: ''Siamo ancora in tempo - afferma Malagò - non credo che Losanna non ci prenda in considerazione, oggettivamente è assolutamente aperta''. 

''Questa non è una sfida o una prova muscolare, approfitto per fare un ultimo appello alla sindaca Appendino, avevo battezzato io il tridente''. Ai microfoni di Radio Anch'io su Radio 1, il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, fa un ultimo tentativo per far tornare Torino in corsa per l'organizzazione delle Olimpiadi invernali del 2026. "Io sono un inguaribile ottimista, ci sono non solo i 980 milioni per le Olimpiadi. Noi rinunciamo anche al tema del posizionamento del nome, è un peccato sciupare questa opportunità". 

"Senza le garanzie del Governo, ma io spero che questo non accada - ha aggiunto - è chiaro che per sole due città trovare 400 milioni non è una cosa da poco. Ma spero sempre nel sostegno del Coni e l'appello al Governo resta aperto".   

Sui rischi che l'eventuale aggiudicazione dei Giochi all'Italia possa comportare più costi che benefici, Zaia ha risposto: "noi con Cortina abbiamo presentato un dossier chiaro, dettagliato, assolutamente low cost, da noi non è mai stato registrato uno spreco".

Appendino: "errore candidatura a 3" 
"Torino non si è tirata indietro, ha chiesto di avere chiarezza su certi elementi, la bozza di protocollo mandata dal sottosegretario Giorgetti non dava queste risposte. Se si decide di fare un percorso deve essere chiaro".Così la sindaca di Torino Chiara Appendino a Sky Tg24. "L'errore di fondo è stato provare a costruire una candidatura a 3. Sono candidature complesse, mai fatte, si poteva scegliere Torino o un'altra città. Riteniamo il nostro modello fosse il migliore,molto più semplice nella gestione e costruzione dell'evento".