Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Omicidio-Jamal-Khashoggi-consolato-Istanbul-la-telefonata-che-incastra-i-vertici-sauditi-Missione-compiuta-dillo-al-capo-4d43f225-c21a-49cf-9d9c-13ca733bffcf.html | rainews/live/ | true
MONDO

L'inchiesta sul giornalista assassinato

Omicidio Khashoggi, la telefonata che incastra i vertici sauditi: "Missione compiuta, dillo al capo"

Secondo il New York Times si ritiene - non ci sono prove - che il 'capo' in questione sarebbe stato il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman

Condividi
Poco dopo l'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi il 2 ottobre scorso un membro del team saudita inviato nel consolato di Riad a Istanbul telefonò a un suo superiore dicendogli di "dire al tuo capo" che la missione e' stata portata a termine: lo riporta il New York tTmes citando tre persone a conoscenza di una registrazione dell'assassinio di Khashoggi ottenuta dall'intelligence turca.

Secondo il Nyt si ritiene - non ci sono prove - che il 'capo' in questione sarebbe stato il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.