Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Oms-mix-vaccini-efficace-5e00953e-b3fd-41ae-93a4-70359c63d29b.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

I dati sulla pandemia

OMS: superati i 60 milioni di contagiati in Europa

1,2 milioni i decessi. Questi i numeri diffusi dall'ufficio per l'Europa dell'Organizzazione Mondiale della Salute

Condividi
60 milioni di contagiati, 1,2 milioni di decessi. Questi i numeri della pandemia da coronavirus in Europa.

"La fine non è ancora all'orizzonte" dichiara Dorit Nitzan, direttore delle emergenze di OMS-Europa, che chiede a tutti i Paesi "di continuare in tutti gli sforzi necessari per tutelare le persone  più vulnerabili e quelle più a rischio. Perché la pandemia finisca  dobbiamo rapidamente aumentare la vaccinazione anti-Covid in modo equo in tutti i Paesi supportando anche la produzione dei vaccini".

A proposito di vaccini l'OMS conferma che "la doppia dose di Astrazeneca è meno efficace del mix con Moderna o Pfizer", precisando che non c'è la stessa efficacia se la prima dose è a Rna e la seconda con Astrazeneca.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche fornito alcuni aggiornamenti sui casi di trombosi e trombocitopenia  (1 ogni 100.000 vaccinati) legati alla somministrazione del vaccino Astrazeneca (fenomeno segnalato dai 3 ai 30 giorni dopo l'inoculazione):  "E' plausibile il legame anche se il meccanismo è da chiarire". I dati disponibili, raccolti in Europa e in altri paesi come l'Australia, evidenziano un rischio maggiore per i giovani rispetto agli anziani. 

Sul fronte, invece, dei legami del vaccino Atrazeneca con la sindrome Guillan-Barrè  l'OMS dichiara che "sono molto rari e non è stata confermata né stabilita una reazione  causale. I potenziali benefici del vaccino continuano a essere superiori al potenziale rischio di Guillan-Barrè soprattutto in considerazione della maggiore contagiosità della variante Delta".