Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Ordinanza-obbligo-del-tampone-per-gli-ingressi-in-Italia-dai-Paesi-dell-Ue-031186df-d764-409f-94d9-ec0a776efe20.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La lotta alla pandemia

Ordinanza, obbligo del tampone per gli ingressi in Italia dai Paesi dell'Ue

Per non vaccinati prevista anche quarantena 5 giorni. Ue: l'Italia giustifichi la scelta

Condividi
Foto di repertorio (LaPresse)
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza che prevede l'obbligo del test negativo in partenza per tutti gli  arrivi dai Paesi dell'Unione europea. Per i non vaccinati, oltre al test negativo è prevista la quarantena di 5 giorni.

Sono prorogate inoltre le misure già previste per gli arrivi dai Paesi Extraeuropei. L'ordinanza è valida a partire dal 16 dicembre e fino al 31 gennaio.

Ue: l'Italia giustifichi la scelta
"Quando gli Stati membri introducono condizioni aggiuntive" al Green pass "o rendono le condizioni più severe, come nel caso dell'Italia e forse del Portogallo", la stretta "deve essere giustificata sulla base della situazione reale" e la possibile introduzione del tampone negativo per i viaggi dagli altri Paesi Ue "immagino verrà discussa al Consiglio europeo perché queste decisioni individuali degli Stati membri riducono la fiducia delle persone sul fatto che ci siano condizioni uguali ovunque in Europa".

Lo ha dichiarato la vice presidente della Commissione europea, Vera Jourova, al termine del Consiglio Ue Affari generali rispondendo a una domanda sulla possibile introduzione da parte dell'Italia della richiesta di un tampone obbligatorio per chi viaggia verso il Paese dall'Ue.

"Il certificato digitale Covid dell'Ue", meglio noto come Green pass, "non è morto", bensì "è uno dei progetti di maggior successo dell'Ue negli ultimi anni perché aiuta le persone a viaggiare, aiuta il turismo a sopravvivere e i servizi a proseguire", ha aggiunto la vice presidente. "Quando la Commissione ha proposto il regolamento che ha consentito l'entrata in vigore del certificato, abbiamo voluto mantenere il principio che le persone saranno autorizzate a viaggiare liberamente nel caso in cui abbiano o la vaccinazione o il test negativo o il certificato di guarigione dal Covid", ha ricordato la commissaria. "Gli Stati hanno voluto tenere aperta la 'backdoor' per le situazioni di inaspettato peggioramento della situazione epidemiologica", ha sottolineato Jourova. "Quindi, gli Stati membri possono farlo", ha aggiunto con riferimento all'introduzione di requisiti aggiuntivi al Green pass, "ma spero che ciò non faccia morire il certificato, perché è una delle cose più pratiche che abbiamo sviluppato per i cittadini europei", ha concluso Jourova.