Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Ossa-umane-trovate-a-Porto-Recanati-Apparterrebbero-a-una-15enne-scomparsa-nel-2010-800c0244-f5db-4249-a3e2-0270301bb84c.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Macabra scoperta

Ossa umane trovate a Porto Recanati. Apparterrebbero a una 15enne scomparsa nel 2010

Il ritrovamento è avvenuto vicino all'Hotel House, un edificio fatiscente regno di degrado e spaccio di droga

Condividi
Un femore e altre ossa umane, tra cui costole e vertebre frantumate, sono stati ritrovate, durante un controllo di routine, dagli uomini della Guardia di Finanzia nei dintorni di un casolare abbandonato in località S. Maria in Potenza. Il sospetto è che ci si trovi di fronte a un delitto.

I militari hanno notato in più punti fogliame bruciato di recente. Scostando le foglie è saltato fuori un femore umano. Sul posto sono poi intervenuti i vigili del fuoco e si è cominciato a scavare tutto intorno al vecchio casolare. Gli scavi, a una profondità di appena dieci centimetri, hanno consentito di scoprire altre ossa, per lo più frantumate. Sul posto anche il pm Rosanna Buccini della Procura di Macerata e il medico legale Roberto Scendoni. Le indagini sono affidate alla Questura di Macerata.

Altre ossa  e una scarpa bianca, forse appartenenti a una 15enne bengalese scomparsa ad Ancona nel 2010, sono state trovate in un pozzo, utilizzato per gettare rifiuti e coperto con terra nei dintorni dell'Hotel House di Porto Recanati (Macerata), un edificio fatiscente regno di degrado e spaccio di droga. Lo hanno scoperto gli investigatori di Guardia di Finanza e Polizia con l'aiuto dei vigili del fuoco che stanno scavando nella zona dal pomeriggio dopo il ritrovamento di altre ossa.