Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Papa-Francesco-La-pace-non-si-puo-comperare-e-un-dono-da-costruire-a570e8c2-62dd-48cc-bde9-006bda374a46.html | rainews/live/ | true
MONDO

La messa all'International Stadium di Amman

Papa Francesco: "Profondo rispetto per l'Islam, la pace si può costruire"

I gesti di umiltà e riconciliazione sono la premessa per una pace vera e duratura, ha sottolieneato il Pontefice davanti a 40mila fedeli. In mattinata, l'incontro con re Abdullah II e la moglie Rania al Palazzo reale di Amman. Nel pomeriggio

Condividi
Papa Francesco (AP)
Amman
Dopo aver incontrato re Abdullah II e la moglie Rania al Palazzo Reale di Amman, prima tappa del suo viaggio in Terrasanta, Papa Francesco si è recato all'International Stadium nella capitale giordana per la celebrazione della Messa davanti a 40mila fedeli. Poi, nel pomeriggio ha raggiunto il sito del Battesimo di Gesù, a Betania sulle rive del Giordano. Un viaggio particolare per il Pontefice, che ha attraversato strade sterrate in compagnia del re di Giordania e a bordo di un'auto elettrica. Domenica andrà prima in Palestina, poi in Israele, e lunedì sera rientrerà in Vaticano.

"Toccato da guerre in Siria e Medioriente, basta armi"
A Betania, Francesco ha incontrato oltre seicento rifugiati siriani e giovani disabili. "Rinnovo il mio più accorato appello per la pace in Siria", ha detto il Papa, "Si abbandoni a parte di tutti la pretesa di lasciare alle armi la soluzione dei problemi e si ritorni alla via del negoziato".

L'omelia della Messa
"La pace non si può comperare: essa è un dono da ricercare pazientemente e costruire 'artigianalmente' mediante piccoli e grandi gesti che coinvolgono la nostra vita quotidiana". Lo ha affermato Papa Francesco nell'omelia. In Medio Oriente, ha spiegato, "è necessario porre gesti di umiltà, di fratellanza, di perdono, di riconciliazione" che "sono premessa e condizione per una pace vera, solida e duratura". 

Secondo Papa Francesco, "il cammino della pace si consolida se riconosciamo che tutti abbiamo lo stesso sangue e facciamo parte del genere umano; se non dimentichiamo di avere un unico Padre celeste e di essere tutti suoi figli, fatti a sua immagine e somiglianza". 

Per questo, ha esortato rivolto ai 40mila fedeli presenti alla Messa, "chiediamo al Padre di ungerci affinché diventiamo pienamente suoi figli, sempre più conformi a Cristo, per sentirci tutti fratelli e così allontanare da noi rancori e divisioni e amarci fraternamente". 

"La diversità è arricchimento"
"La diversità di persone e di pensiero non deve provocare rifiuto e ostacoli, perché la varietà è sempre arricchimento" ha inoltre ricordato il Papa. "Oggi - ha scandito - invochiamo con cuore ardente lo Spirito Santo, chiedendogli di preparare la strada della pace e dell'unità". Francesco ha poi esortato i fedeli della Giordania ad avere "gli stessi sentimenti di Gesù" e ad assumere "nella loro vita atteggiamenti che favoriscono la pace e la comunione". 

L'incontro con re Abdullah II e la moglie Rania
In mattinata il Pontefice ha parlato al Palazzo Reale, davanti ai sovrani della Giordania e alle autorità del Paese. Constatando "con dolore" la permanenza di forti tensioni in Medio Oriente il Papa ha incoraggiato a "impegnarsi nella ricerca dell'auspicata durevole pace per tutta la Regione". Francesco ha giudicato "quanto mai necessaria e urgente una soluzione pacifica alla crisi siriana, nonché una giusta soluzione al conflitto israeliano-palestinese". Bergoglio ha espresso stima per la Giordania che accoglie i profughi della Siria e di altre aree di crisi e ha invocato la libertà di religione nel mondo.