Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Piazza-Affari-60e95d28-74eb-4c49-bd8a-8990e85bf5a9.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Borse europee incerte nell’attesa del vertice Opec

Condividi
di Paolo GilaMilano
Dopo una mattinata all’insegna del progresso le borse europee hanno ripiegato complice l’apertura debole di Wall Street (-0,02% il Dow Jones e -0,01% il Nasdaq). Pesano le attese di alcuni 
indicatori statunitensi e soprattutto l’avvio del vertice Opec in calendario domani. In questo scenario Milano arretra dello 0,45%, mentre Londra e Parigi flettono rispettivamente dello 0,10 e 
dello 0,20%. Solo Francoforte resiste nell’area del progresso, con un + 0,24%.

Sul listino milanese cedono terreno soprattutto gli energetici, con Eni che arretra del 2%, Erg del  3% e Saipem del 2 e 40%. Gli operatori temono che i paesi produttori di greggio non trovino 
accordi, con ripercussioni sul prezzo del petrolio, ancora in calo (73,50 dollari il barile). Contrastati i bancari, in acquisto industriali e media (con Mondadori a +7% e Yoox a + 5%).

Bene l’asta dei bot a sei mesi. Interamente collocata una tranche di 6 miliardi di euro con rendimenti in calo allo 0,27% dallo 0,37% dell’asta precedente. Ripercussioni sullo spread, che 
scende a sua volta a 139 punti base con il rendimento del Btp a dieci anni al minimo storico (2,14%).

In leggero rafforzamento l’euro, a quota 1 24 e 85 contro dollaro.

Ore 15 e 30