Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Protocolli-Sion-Comunita-ebraica-denuncia-il-senatore-M5S-Lannutti-e6cb9681-10e2-4cf5-b920-189f83c5bc02.html | rainews/live/ | true
ITALIA

"Istigazione all'odio razziale"

Protocolli Sion, Comunità ebraica denuncia il senatore M5S Lannutti

La denuncia si lega al post in cui Lannutti, del Movimento 5 stelle, citando il 'protocollo dei sette savi di Sion', accusava gli ebrei di controllare il sistema economico mondiale

Condividi
"La Comunità ebraica di Roma ha scelto di presentare una denuncia contro il senatore Elio Lannutti per istigazione all'odio razziale". La conferma arriva da fonti della stessa Comunità. I legali della comunità stanno preparando la documentazione necessaria.

La denuncia si lega al post in cui Lannutti, del Movimento 5 stelle, citando il 'protocollo dei sette savi di Sion', accusava gli ebrei di controllare il sistema economico mondiale.

Dureghello: la dissociazione di Di Maio non basta, lo dovrebbero espellere
In una intervista al Corriere della sera, Ruth Dereghello, presidente della Comunità ebraica di Roma, spiega le ragioni della denuncia. "La sua citazione, con un tweet,  dell'infame falso storico dei Protocolli di Sion è gravissima per molti motivi. Viene da un rappresentante delle istituzioni ed è dilagato sui social: un elemento che innegabilmente produce un ulteriore aggravio di responsabilità per la vasta diffusione che ha avuto". 

Sul vicepremier Luigi di Maio, che ha preso le distanze da Lannutti, la presidente della Comunità ebraica romana aggiunge: "Ho apprezzato anche i toni usati con me dal vicepresidente Di Maio durante un nostro scambio di messaggi notturno, lunedì sera: era in una situazione in cui non poteva parlarmi al telefono. Ma non può bastare una semplice dichiarazione. Né un dialogo fatto di messaggi, anche se dai toni molto significativi. Così come per me stessa non è sufficiente spiegare la gravità di ciò che è accaduto con un tweet o con una semplice frase. Per quanto mi riguarda non è sufficiente. L'espulsione sarebbe una scelta eloquente".