Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Quirinale-Berlusconi-lancia-Martino-Pd-senza-maggioranza-al-Senato-noi-centrali-501978b6-9c60-4016-bde8-d25efb7eb620.html | rainews/live/ | true
POLITICA

"Mi sarei aspettato una norma che correggesse la legge Severino"

Quirinale, Berlusconi lancia Martino. "Pd senza maggioranza al Senato, noi centrali"

"Antonio Martino, tessera numero 2 di Forza Italia, sarà il candidato dei moderati": lo dichiara Silvio Berlusconi nel corso dell'assemblea dei deputati azzurri, dopo l'intesa con Angelino Alfano per una candidatura comune al Colle

Condividi
"E' chiaro che il Pd non ha più una maggioranza al Senato e adesso noi siamo tornati ad essere centrali e determinanti". Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi rilancia il ruolo del proprio partito, alla luce del voto sull'Italicum a Palazzo Madama, incontrando i deputati azzurri.

E Berlusconi vuol far valere la centralità di Forza Italia sulla partita del Quirinale, dopo aver concordato una candidatura comune con il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano. "Antonio Martino, tessera numero 2 di Forza Italia, sarà il candidato dei moderati per il Colle", dice l'ex premier, lanciando così la candidatura di "bandiera" dell'ex ministro della Difesa. Una nomination che l'ex Cavaliere spiega così: " Il nostro obiettivo ora è avere un Capo dello Stato a noi non ostile".

"Mi sarei aspettato una norma che correggesse la legge Severino"
Quanto alla propria agibilità politica e alla possibilità di ricandidarsi, Berlusconi dice: "Mi sarei aspettato una norma che correggesse la legge Severino sulla errata interpretazione della retroattività della legge, cosa che contraddice le più elementari norme del diritto". 

Martino: "Io candidato? Mi sembra uno scherzo da prete"
Contattato dalla trasmissione radiofonica "La Zanzara", Antonio Martino dichiara: "Io candidato? Non so nulla, mi sembra uno scherzo da prete".

Ai dissidenti: "O vi allineate o è meglio che andiate via"
Silvio Berlusconi avrebbe poi replicato a Daniele Capezzone che, nel suo intervento, aveva sostenuto che con la linea attuale si stanno solo perdendo voti. "Non condivido nulla di ciò che hai detto. La posizione tua e di altri - avrebbe aggiunto l'ex cavaliere - ci indebolisce, quindi vi chiedo di cambiare linea o di cercare un'altra strada".