Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Renzi-Onu-50-milioni-di-euro-per-uguaglianza-di-genere-nei-Paesi-poveri-49a50e29-5c5d-4edb-9839-736f4ed15f0e.html | rainews/live/ | true
MONDO

L'intervento del premier al meeting su uguaglianza di genere

Renzi all'Onu: 50 milioni di euro per l'uguaglianza di genere nei Paesi poveri

Il presidente del Consiglio è intervenuto all'incontro dedicato alla questione di genere 'Global Leaders' Meeting on Gender Equality and Women's Empowerment: A commitment to Action', nell'ambito dei lavori dell'assemblea generale dell'Onu

Condividi
Matteo Renzi all'Assemblea Generale dell'Onu (LaPresse)
"L'Italia destinerà nuove risorse, fino a 50 milioni di euro nei prossimi due anni, per sostenere l'uguaglianza di genere perché le donne e le ragazze possano godere pienamente dei diritti umani, diritti che sono al cuore dei nostri programmi di cooperazione e sviluppo". Lo ha annunciato il premier Matteo Renzi, intervenendo all'incontro dedicato alla questione di genere 'Global Leaders' Meeting on Gender Equality and Women's Empowerment: A commitment to Action', nell'ambito dei lavori dell'assemblea generale dell'Onu.

Il presidente del Consiglio ha fatto anche sorridere e applaudire la platea alle Nazioni Unite nel corso del suo intervento: mentre parlava infatti si è più volte spenta la luce. "Salta la corrente, c'è un problema di energia", ha detto il premier. "L'Italia sta continuando ad avere un ruolo importante in molti temi soprattutto in quello dell'uguaglianza delle donne, per la prima volta il governo ha il 50% di donne e le donne sono in posti chiave di molte aziende", ha detto mentre ancora una volta è saltata la luce. Renzi a questo punto ha fatto una battuta. "Una donna è il presidente dell'azienda dell'elettricità italiana [Patrizia Grieco a capo dell'Enel]. Chiederò a lei di dare un piccolo contributo per l'anno prossimo".

Il presidente del Consiglio ha poi raccontato le ragioni che da giovane lo spinsero ad fare politica: "Gli aiuti internazioni e la cooperazione sono la ragione per cui faccio politica. Volevo avere questa carica per fare la differenza non solo a livello di governo", ma anche fuori dai confini nazionali, ha aggiunto parlando in inglese. "L'Agenda 2030 è la migliore occasione per trasformare il giusto in speranza", ha concluso Renzi.