Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Ricorso-al-Tar-nel-Lazio-contro-lo-slittamento-del-richiamo-del-vaccino-Pfizer-oltre-21-giorni-33aab5ed-1850-4b96-98ee-45739f524baa.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Il caso

Ricorso al Tar nel Lazio contro lo slittamento del richiamo del vaccino Pfizer oltre 21 giorni

Secondo i promotori del ricorso, "la firma sul consenso informato è vincolante"

Condividi
Diventa sempre più un caso la decisione di allungare i tempi per la seconda dose del vaccino Pfizer-BionTech. Un gruppo di cittadini del Lazio ricorre al Tar contro lo slittamento del richiamo.

"Dopo un confronto con diversi legali, informiamo che ci sono i presupposti per procedere attraverso un ricorso al Tar in urgenza per chiedere la sospensiva del provvedimento con cui il richiamo del vaccino Pfizer viene posticipato da 21 a 35 giorni", informa la coordinatrice del gruppo che ha aperto una pagina Facebook per raccogliere le firme. 

Secondo gli organizzatori dell'azione legale "il consenso informato è vincolante". Ricordano inoltre  e ricordano che l'indicazione di "Aifa e Ema è di fare il richiamo dopo tre settimane".

"I cittadini non sono cavie da laboratorio - dichiara Francesco Iacovone, del Cobas nazionale - non c'è alcuno studio scientifico alla base della decisione e della relativa circolare della Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria del 10 maggio 2021. E appellarsi alla valutazione empirica della Gran Bretagna è scorretto e fuorviante perché quel Paese ha affrontato un lockdown duro di ben 3 mesi, ha abbattuto la trasmissione virale e gli effetti sulla salute e sulla copertura vaccinale della dilatazione nel tempo della seconda dose non li conosciamo affatto".

"Nel pomeriggio ci vedremo con i legali - prosegue il sindacalista - la sospensiva è un'auspicata decisione da parte del Tar, siamo certi delle nostre ragioni e delle evidenze della scienza. Una decisione politica, che vorrebbe mascherare le incapacità di chi prometteva miracoli, non può ricadere sulla salute dei cittadini". "Siamo certi che a noi si uniranno molti altri, stanchi di essere usati dalla propaganda e che non vogliono subire le decisioni antiscientifiche, perché il vero dramma sarebbe quello di ampliare il fronte NoVax. E il nostro Paese, che ha sofferto più di altri gli effetti nefasti della pandemia, non se lo può permettere. La Regione Lazio cambi rotta e lo faccia in fretta", conclude Iacovone.