Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Robin-Williams-ultima-foto-scattata-48-ore-prima-di-morire-acda1160-1d3c-411c-af83-1a6861703ea6.html | rainews/live/ | true
SPETTACOLO

Cinema

Robin Williams: l'ultima foto scattata 48 ore prima di morire

Le immagini scattate a un vernissage di un amico artista a poche ore dalla morte dell'attore: il volto magro, la barba un po' incolta, un sorriso appena accennato. Diversi testimoni lo descrivono quella sera di ottimo umore e sobrio: "Nulla lasciava presagire la tragedia che stava per accadere"

Condividi
San Francisco
Sul volto una sorta di smorfia, forse un sorriso appena accennato. Ma lo sguardo è malinconico, distratto, di chi pur circondato da molte persone non sembra divertirsi affatto. Sono le ultimi immagini di Robin Williams scattate la sera prima di morire. L’occasione è un vernissage di un'amico artista, Marc Jaeger, in una galleria d'arte vicino alla casa dell'attore, nella baia di San Francisco. Gli scatti esclusivi pubblicati dal sito di gossip Tmz e ripresi dal Daily Mail:




Alla mostra insieme all'attore c'era anche la moglie, Susan Schneider che proprio ieri ha rivelato al mondo che a Robin era stato diagnosticato il morbo di Parkinson. Nella foto che lo ritrae in piedi, in abito nero, mentre socializza con altri invitati, si scorge il suo volto più magro del solito, i capelli grigi, pizzetto un po' incolto e baffi. In un'altra immagine, scattata questa volta di spalle, colpisce l'andatura incerta, le bracce e le spalle ossute avvolte nella t-shirt nera. Williams pare amasse molto le opere in ceramica di Marc Jaeger e ne aveva perfino acquistata una in passato. 

L'artista ha raccontato che quella sera nulla lasciava presagire cosa poi sarebbe accaduto: l'attore aveva passato circa un'ora alla reception e sembrava di ottimo umore. Più volte, ha rivelato Jaeger, si era intrattenuto a parlare con gli altri ospiti del vernissage ed era anche scoppiato in qualche risata. Insieme avevano perfino discusso dell'idea di una sceneggiatura che avesse come protagonista un supereroe clochard, ispirandosi ai lavori in ceramica esposti. Secondo altri testimoni presenti all'evento, Robin Williams quella sera era del tutto astemio: non aveva toccato un goccio di alcol. Meno di 48 ore dopo il suo corpo senza vita sarebbe stato ritrovato nella villa di Timbrun, in California.