Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Si-ferma-a-prestare-soccorso-investito-mortalmente-sulla-A14-db810e5e-f8b0-49c3-9614-04637b1d8744.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Un morto e due feriti sulla A14

Si ferma a prestare soccorso in autostrada, travolto e ucciso

L'incidente è avvenuto tra Imola e Castel San Pietro nel bolognese

Condividi
Duplice incidente con una vittima, nella notte, sull'autostrada A14  nel tratto compreso tra Imola e Castel San Pietro in direzione Bologna all'altezza del chilometro 38,5. 

In particolare - viene spiegato da Autostrade per l'Italia in una nota - a seguito di un primo incidente autonomo ai danni di una macchina, "il conducente di una seconda auto, fermatosi per prestare soccorso, ha perso la vita dopo essere stato investito da una terza autovettura".

Nel sinistro altre due persone sono rimaste ferite. Alla luce dell'incidente il segmento autostradale è stato temporaneamente chiuso al traffico ed è stato riaperto poco dopo le 4. Attualmente, nel tratto interessato, il traffico transita su tutte le corsie e non si registrano ingorghi.

"Aiutare gli altri era la sua missione": così i volontari della onlus Avpl di Castel Maggiore, nel Bolognese, ricordano Renzo Cristiani, l'uomo di 78 anni che è morto nell'incidente sull'autostrada A14 nei pressi di Castel San Pietro (Bologna). Pensionato, abitava a Bologna con la moglie e da tempo era uno dei soci della Associazione Volontariato Polizia Locale, che si occupa di attività di educazione e sicurezza stradale in collaborazione con le polizie locali, oltre che di assistenza a disabili e altre iniziative di solidarietà. Intorno all'una e trenta della scorsa notte l'uomo stava facendo ritorno a Bologna quando ha assistito a un incidente: dopo aver visto che, davanti a lui, una Ford Fiesta aveva sbandato e urtato il guardrail, per poi arrestarsi in mezzo alla carreggiata, ha percorso qualche decina di metri poi ha accostato con la propria auto. Secondo quanto ricostruisce la Polstrada che ha eseguito i rilievi, Cristiani sarebbe sceso dalla macchina per aiutare i due occupanti e per dare l'allarme. Con una paletta di quelle che utilizzava nelle attività di assistente civico, avrebbe cercato di segnalare il pericolo agli altri automobilisti in arrivo. La conducente di una Toyota Corolla si è probabilmente accorta troppo tardi della sua presenza e lo ha investito in pieno.   

Sono intervenute le ambulanze di Bologna Soccorso, ma per l'anziano gli operatori del 118 hanno potuto solo constatare il decesso. Sono invece stati portati all'ospedale Maggiore, conferite lievi, la 46enne di Reggio Emilia che era alla guida della Toyota e i due occupanti della Fiesta che aveva avuto il primo incidente, una ragazza di 27 anni e un ragazzo di 29 anni, residenti a Bologna. La morte di Cristiani ha colpito profondamente soci e volontari dell'associazione con la quale l'uomo collaborava. "Di fatto stava svolgendo il suo servizio da volontario, sebbene non in un servizio codificato ma stava facendo quella che era la sua missione - ha detto Andrea Tolomelli, presidente della onlus Avpl - è stato il nostro volontario Renzo fino alla fine". L'associazione cercherà un modo per ricordare Cristiani: "Siamo ancora scioccati - ha aggiunto Tolomelli - ma sicuramente ci attiveremo per realizzare iniziative che possano portare avanti la memoria di questa grande persona".