Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Sicurezza-Alfano-Italia-paese-che-tiene-grazie-a-forze-ordine-1978f016-2dff-4f67-af86-3055a3cbdda4.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Riunione del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica

Sicurezza, Alfano: "L'Italia è una Paese che tiene grazie alle forze dell'ordine"

Il ministro dell'Interno ha illustrato i risultati ottenuti nell'ultimo anno sui diversi fronti della sicurezza. Sull'immigrazione: "L'Italia campione del mondo dell'accoglienza". Sicurezza stradale: "Sarà una priorità nei prossimi 12 mesi"

Condividi
Roma
"L'Italia è un Paese che tiene dal punto di vista dell'ordine pubblico, del contrasto alle frange antagoniste, della prevenzione e del contrasto al terrorismo internazionale". Lo ha detto il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, nel corso della conferenza stampa che si è svolta al termine della riunione del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica. "A garantire questa tenuta - ha sottolineato Alfano - sono gli uomini e le donne delle forze dell'ordine che fanno quotidianamente il loro dovere senza avere stipendi alti e lontani dalle luci dei riflettori".

Il ministro ha illustrato i risultati ottenuti nell'ultimo anno sui diversi fronti della sicurezza. Dall'ordine pubblico, alla lotta alla criminalità organizzata, dalla sicurezza stradale, all'immigrazione. 

Immigrazione, "Italia campione del mondo dell'accoglienza"
Proprio sul fronte immigrazione, Alfano ha sottolineato: "L'Italia è campione del mondo dell'accoglienza". Secondo i dati del Viminale, sono 101.480 i migranti sbarcati sulle nostre coste dall'inizio dell'anno a oggi, mentre sono 539 gli scafisti arrestati dal 1° maggio 2013 all'altro ieri. "La nostra linea - ha aggiunto il ministro - resta la stessa: accogliere chi fugge da guerre e persecuzioni, ma anche rispettare le leggi per il contrasto dell'immigrazione clandestina".

"Con Mare Nostrum salvate oltre 70mila persone"
Il ministro ha poi ricordato che "dall'avvio dell'operazione Mare Nostrum, lo scorso 18 ottobre, sono state salvate oltre 70mila persone e non sappiamo quanti di loro sarebbero morti senza la nostra missione. Siamo orgogliosi di aver salvato vite".  Il ministro ha però precisato. "L'operazione Mare Nostrum non deve fare il secondo compleanno perché, seppur lodevole, è nata a termine". Alfano ha poi ribadito che "la responsabilità della frontiera del Mediterraneo deve essere europea. I migranti non vogliono venire in Italia ma in Europa e quindi Frontex deve subentrare a Mare Nostrum". 

Sicurezza stradale: 1.689 morti in un anno
Altro tema la sicurezza sulle strada. "Gli incidenti stradali diminuiscono ma non possiamo dirci soddisfatti perché ogni anno continuano a morire troppe persone: negli ultimi 12 mesi ci sono state 1.689 vittime, è come se un intero paese di dimensioni abbastanza comuni in Italia sparisse. La sicurezza stradale rappresenterà una nostra priorità da qui al prossimo Ferragosto". Lo ha sottolineato Alfano annunciando: "A settembre ci sarà un apposito Comitato nazionale, preceduto da una riunione con i tecnici del ministero dei Trasporti, per varare una strategia globale in tema di sicurezza stradale". 

A Ferragosto dispiegati 55mila uomini, 18mila in pattugliamento
Il ministro ha offerto anche un quadro della giornata di oggi riferendo che gli operatori della sicurezza messi in campo dal Viminale per Ferragosto sono 55.457, di cui 18.277 impegnati in operazioni di pattugliamento.