Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Speranza-Alla-sanita-servono-20-miliardi-con-il-Mes-li-avremmo-subito-13b9aa7a-4359-4ee3-9138-484585c4eb51.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Coronavirus

Speranza: "Alla sanità servono 20 miliardi, con il Mes li avremmo subito"

"Le risorse devono arrivare" - dice il ministro - se necessario con ulteriore deficit ma "meglio il Mes perché i soldi arrivano subito, mentre con il Recovery, se va bene, li vediamo nel 2021"

Condividi
Il virus non è sconfitto, "le prossime settimane rappresentano un passaggio decisivo. Dobbiamo avere le risorse da investire nel sistema sanitario".  l'Italia"non può permettersi di tornare indietro". Lo dice in un colloquio con La Stampa, il Ministro della Salute Roberto Speranza, secondo il quale alle casse pubbliche mancano 20 miliardi per rifondare la sanità.   

"Le risorse devono arrivare" - dice il ministro - se necessario con ulteriore deficit ma "meglio il Mes perché i soldi arrivano subito, mentre con il Recovery, se va bene, li vediamo nel 2021". 

Con i contagi "siamo in una linea di galleggiamento - spiega Speranza -. Non riusciamo a farli scendere ma nemmeno stanno risalendo. Non siamo più da molto tempo i malati d'Europa ma il problema è quello che sta accadendo attorno a noi", con i contagi dall'estero.

Le prime segnalazioni "sulle persone che tornavano dalla Romania e dalla Bulgaria mi sono arrivate dalle nostre regioni" e si è deciso per la quarantena obbligatoria anche per chi viene da quei due Stati, dice il ministro della salute che non esclude "che nei prossimi giorni misure analoghe, per quanto dolorose, saranno necessarie anche nei confronti di altri Paesi europei".

Per quanto riguarda lo Stato d'emergenza "abbiamo deciso di prorogarlo fino al 31 ottobre. Faremo due passaggi parlamentari, martedì e mercoledì, poi subito dopo la decisione andrà in Consiglio dei ministri". In verità, spiega Speranza, "avevamo provato a evitare la proroga, ma avremmo avuto comunque bisogno di singoli pezzi di poteri d'eccezione per emettere le nostre ordinanze a tutela della salute degli italiani", ha dichiarato.