Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Temperature-in-picchiata-vento-forte-e-neve-il-gelido-Burian-arrivato-domani-a-Roma-scuole-chiuse-086e35ad-1440-46f6-be59-7822fc80af8a.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Maltempo

Temperature in picchiata, vento forte e neve:il gelido Burian è arrivato.Domani scuole chiuse a Roma

Freddo anomalo in tutto il Piemonte, oltre un metro di neve sull'Appennino Pistoiese, da questa notte neve in Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. Scuole chiuse anche nei principali centri umbri, marchigiani, campania e in Gallura

Condividi

Temperature in picchiata su tutta la penisola, venti gelidi, nevicate fino in pianura: la corrente di aria di origine siberiana è ormai prossima e la Protezione Civile ha emesso una nuova allerta che interesserà inizialmente le Regioni settentrionali per poi estendersi al Centro e al Sud. Ed è allerta anche per la circolazione: le Prefetture di Roma, Bologna, Ferrara, Parma, Rimini, Modena, Piacenza, Forlì-Cesena, Firenze, Prato, Arezzo, Ancona, Perugia, Salerno, Avellino Campobasso, Foggia, Bari, Barletta-Andria- Trani hanno deciso di far sospendere la circolazione dei mezzi pesanti dalla serata odierna.

Domani scuole chiuse a Roma e in altre città del Centro
"Preso atto dell'ultimo aggiornamento delle previsioni fornite dalla Protezione Civile regionale, che confermano i rischi di neve e forti gelate, è stata firmata ordinanza sindacale che dispone la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido, sul territorio di Roma per lunedì 26 febbraio. La seconda ordinanza, che saràfirmata nella giornata di oggi, è quella relativa a parchi, cimiteri e ville storiche che verranno chiusi fino a cessata allerta". Lo comunica il Campidoglio. Disposta anche l'apertura straordinaria di alcune fermate della metro per i senza dimora: Vittorio Emanuele e Flaminio (Linea A); Piramide (Linea B). Apertura straordinaria anche
per la Stazione Stella Polare (Ferrovia Roma Lido).

La scelta di tenere domani a Roma le "scuole chiuse è per il rischio ghiaccio". Lo precisano fonti del Campidoglio sottolineando anche che la decisione del Comune non riguarda le università su cui l'amministrazione non ha competenza. Oltre a Roma hanno già disposto la chiusura delle scuole anche i sindaci di Frascati, Palestrina, Tivoli, Subiaco, Zagarolo, Cave Genazzano, Castelgandolfo, Albano, Ariccia, Colleferro, Monteporzio Catone, Lanuvio, Segni, Genzano, Velletri, San Cesareo.

La stessa misura è stata presa in diversi comuni umbri, da Perugia a Terni, Foligno, Assisi e Città di Castello.

"Freddo anomalo" in tutto il Piemonte, a 2000 metri sarà -16. Fitta nevicata a Torino, rimandata Juventus-Atalanta
"Freddo anomalo", con temperature molto al di sotto delle medie del periodo. Vale per tutta il Piemonte la situazione meteorologica dei prossimi giorni, riassunte in due parole nel bollettino meteoidrologico di Arpa. Dopo le deboli nevicate di oggi, da domani il cielo tornerà sereno, ma il freddo si farà sentire, all'inizio della settimana con minime a -8/-10 in pianura, -16 alla quota di 2.000 metri. Le nuvole dovrebbero tornare da mercoledì, quando sono previste deboli nevicate.

Intanto, oggi pomeriggio, una fitta nevicata si è abbattuta su Torino. La partitta Juventus-Atalanta è stata rinviata a data da destinarsi a causa delle cattive condizioni del terreno di gioco. 



Nottata a rischio gelo in Liguria, attivati gli spargisale
Un leggero nevischio ha interessato anche la costa genovese. Il maltempo interessa la Liguria, col freddo vento siberiano che ha portato una drastica discesa delle temperature e fiocchi, abbondanti in quota mentre deboli e senza particolari conseguenze sulla costa. La protezione civile del Comune ha avviato l'operazione di spargimento sale sulle strade principali, sulle alture e nelle vie in prossimita' degli ospedali della citta'. In azione 12 mezzi che hanno l'obiettivo di evitare che le strade diventino lastre ghiaccio in vista dell'ulteriore calo delle temperature atteso per la notte. Contro il grande freddo mobilitati anche i volontari dell'Anpas Liguria che, a bordo delle ambulanze, stanno monitorando i punti dove gravitano i senza fissa dimora per assisterli e, eventualmente, invitarli a raggiungere i centri di assistenza riscaldati che sono attivi in piu' punti della citta'. Nei casi in cui sia a rischio la vita di queste persone e' previsto anche il ricovero coatto.

Lavoro straordinario anche per le pattuglie della Polizia municipale, che hanno il compito di riferire alla sala operativa ogni possibile criticita' legata all'ondata di maltempo. Anche a Savona attivati i mezzi spargisale in altura. "I prossimi due giorni - spiegano i meteorologi di Arpal - sembrano essere in larga parte del territorio gelidi, ma secchi e soleggiati. Ad aumentare la sensazione di freddo contribuira' anche il vento, che soffiera' sulla Liguria a 60/70 km/h con raffiche superiori ai 100 km/h sui crinali".

A Venezia il vento abbatte un pilone: sul Ponte della Libertà
Un pilone è crollato in tarda mattinata, per il forte vento, sul Ponte della Libertà, la strada d'accesso a Venezia, bloccando il traffico in entrambe le direzioni. Nessun mezzo o persone sono rimasti coinvolti. Nel crollo, il pilone ha tranciato la linea elettrica del tram, rendendo così inservibile la linea. L'incidente si è verificato sulla corsia che da Mestre porta a Venezia, ma il traliccio ha occupato anche parte dell'altra corsia. Traffico ripristinato intorno alle 20.


A Trieste raffiche di Bora fino a 130 Km orari
Continua l'ondata di maltempo in Friuli Venezia Giulia e in particolare a Trieste, dove le raffiche di Bora oggi hanno raggiunto i 130 chilometri orari. Il vento forte sta soffiando già da alcuni giorni e dall'inizio dell'emergenza i vigili del fuoco del Comando provinciale di Trieste hanno risposto a circa 300 richieste di intervento. Al momento cinque squadre sono impegnate sul territorio per interventi di messa in sicurezza di coperture, alberi e finestre. In regione si registrano temperature vicine allo zero anche nelle zone pianeggianti e sulla costa. Al momento sul monte Zoncolan ci sono -13,5 gradi, sul monte Lussari -14,7 gradi.

Vento e neve: in Toscana proroga allerta gialla
Neve e vento, 'codice giallo' prorogato su tutta la Toscana fino alla serata di lunedì 26 febbraio. Lo ha stabilito la Protezione civile regionale rimodulando "il codice giallo emesso nei giorni precedenti per vento fino alle 20 di lunedì 26 febbraio, e per neve - solo per le zone appenniniche e meridionali - fino alle 24 sempre di lunedì 26". In Toscana, spiega una nota, "sono previsti accumuli di neve generalmente inferiori ai 2 cm in pianura, possibili su tutta la regione; fino a 10 cm nelle zone collinari e anche fino a 20-25 cm a quote di montagna.

Domani, lunedì, neve a bassa quota su Appennino (versanti emiliano-romagnoli) e Amiata". Inoltre, "sia oggi sia domani sono previsti venti di Grecale su tutta la Toscana, anche con raffiche localmente forti: fino a 60-80 km/h sull'Arcipelago, fino a 50-60 km/h nell'interno e fino a 80-90 km/h sull'Appennino.

Domenica e lunedì mari molto mossi al largo o temporaneamente agitati". La Sala operativa della Protezione civile ricorda che "aria molto fredda di origine siberiana affluisce sulla nostra penisola con possibili episodi di neve debole in pianura nella giornata di oggi. Continuano quindi anche in Toscana le condizioni favorevoli a nevicate sparse fino a bassa quota, pi frequenti sull'Appennino e sulle zone centrali e meridionali della regione: tendenza ad attenuazione dei fenomeni dalla sera".

La neve supera il metro sull'Appennino Pistoiese
Neve già oltre un metro nel territorio di Sambuca Pistoiese (Pistoia), sull'Appennino, e strade percorribili soltanto con gomme da neve o catene montate. All'Abetone, invece, stamani la neve in paese aveva già raggiunto l'altezza di 1,15 metri.

Emilia Romagna: previste gelate e mare molto mosso
La protezione civile dell'Emilia-Romagna e l'Arpae prevedono temperature sotto zero nelle prossime ore in regione e mari molto mossi. Al calo termico si accompagneranno per lunedì 26 febbraio nevicate sui rilievi centro-orientali, con 5-10 centimetri sui settori collinari e 10-20 in alto Appennino, più sporadicamente nella pianura romagnola. Gelate diffuse su tutta la regione, con valori minimi di -3 nel settore costiero, -6 sulle pianure interne, tra -14 e -9 sull'Appennino occidentale, tra -10 e -7 su quello centro-orientale. Venti forti sulla costa, e mare molto mosso in particolare al mattino: per questo motivo la protezione civile ha diffuso un'allerta 'arancione' per lo stato del mare.

Nelle Marche scuole chiuse in alcuni comuni
Nelle Marche ci sarà lo stop delle lezioni scolastiche in alcuni comuni: ad Ancona scuole di ogni ordine e grado rimarranno chiuse il 26 ed il 27 febbraio, così come accadrà a Giulianova, Fabriano, Fermo e Montegranaro. Niente lezioni ed esami all'Università di Macerata. 

Da questa notte neve in Campania, Puglia, Basilicata e Calabria
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d`intesa con le Regioni coinvolte - alle quali spetta l`attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati - ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse.

L`avviso prevede dalla notte di oggi, domenica 25 febbraio, nevicate al di sopra dei 300-500 metri, con locali sconfinamenti fino a quote di pianura, sulla Campania e sulla Puglia, in estensione a Basilicata e Calabria, con apporti al suolo da deboli a moderati. Dalla tarda mattinata di domani, venti settentrionali da forti a burrasca sulla Sicilia e sulla Calabria, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Molti Comuni nelle province di Benevento, Avellino e Salerno hanno diramato ordinanze per la chiusura delle scuole almeno fino a martedì. 

Allerta gialla su Emilia Romagna, Abruzzo e Molise
Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, lunedì 26 febbraio, allerta gialla sull`Emilia Romagna (bacini romagnoli ed emiliani orientali, pianura e costa romagnola), sull`Abruzzo e sul Molise. Permane inoltre l`allerta gialla per rischio idrogeologico localizzato sul Veneto, bacino dell`Alto Piave, a causa della frana della Busa del Cristo, nel Comune di Perarolo di Cadore (Belluno), sulla quale è in corso un continuo e attento monitoraggio.

Sardegna stretta tra neve e ghiaccio, scuole chiuse in Gallura
Sardegna in ginocchio, sferzata da venti siberiani che hanno abbassato la temperatura in alcuni casi fino a -5° C. E' previsto per nella nottata il picco di freddo che potrebbe portare la colonnina di mercurio vicina ai -10°C. I sindaci di Tempio Pausania, Luras, Calangianus e Bortigiadas, in Gallura, vista l'allerta meteo della Protezione civile hanno disposto la chiusura preventiva delle scuole di ogni ordine e grado per la giornata di lunedì 26 febbraio con la possibilità di reiterazione dell'ordinanza in caso di prolungate condizioni di maltempo. Alcuni sindaci del Nuorese stanno valutando di prendere la stessa decisione nelle prossime ore.

Trattori Coldiretti come spalaneve e spargisale anche per garantire consegne di latte e verdure
Anche per garantire le consegne di latte e verdure dalla campagne i trattori degli agricoltori della Coldiretti sono stati mobilitati nei Comuni come spalaneve per pulire le strade e come spandiconcime per la distribuzione del sale contro il pericolo del gelo. E' quanto riferisce l'organizzazione di categoria in riferimento all'arrivo dell' ondata di maltempo siberiano con freddo e neve. I mezzi agricoli sono al lavoro per consentire la circolazione anche nelle aree più interne e difficili ed evitare l'isolamento di case e aziende ma anche garantire le consegne di prodotti deperibili. La possibilità di utilizzare anche i mezzi meccanici agricoli messi a disposizione dagli imprenditori delle campagne garantisce la viabilità e scongiura il rischio di isolamento delle abitazioni soprattutto nelle aree più impervie interne e montane, grazie alla maggiore tempestività di intervento.

Il premier ringrazia i volontari
"Grazie a tutti i volontari che in queste ore aiutano le persone bisognose a proteggersi dal freddo
@CaritasItaliana  @santegidionews". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni