Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Terrorismo-Drone-isis-9719d14d-834a-44d3-a0d3-772c30b99440.html | rainews/live/ | true
MONDO

La lotta al terrore

Isis, drone Usa uccide britannico a capo 'cybercaliffato' in Siria

Condividi
Nuovo colpo inflitto dagli Usa ad Isis. Dopo aver ucciso il 18 agosto Haji Muttaza, vice di Abu Bakr al Baghdadi (a maggio era stato eliminato l'erede, Abu Ala al Afri), un drone americano ha ucciso un cittadino britannico considerato il capo degli hacker del sedicente califfo. Si tratta di Junaid Hussain, nome di battaglia Abu Hussain al-Britani, che prima di lasciare il
Regno Unito viveva a Birmingham.

Hussain, 21 anni, sarebbe stato ucciso martedì a Raqqa, roccaforte di Isis in Siria, dove si era trasferito circa due anni fa. Fonti governative Usa ed europee consideravano Hussain il capo del 'cybercaliffato' di Isis, il gruppo che solo a gennaio era riuscito, tra l'altro, a violare l'account twitter del Pentagono.

L'hacker britannico è ritenuto l'ispiratore di un attacco contro una esposizione di vignette su Maometto nel maggio scorso a Garland, in Texas. Lo riferisce la Cnn citando fonti governative di Washington.

Nel 2012 era stato condannato a sei mesi di prigione per aver rubato la mailing list dell'ex premier britannico Tony Blair.

Secondo il Guardian, non sarebbe stato un drone a uccidere il terrorista ma un vero e proprio raid delle forze Usa.