Original qstring: refresh_ce | /dl/archivio-rainews/articoli/Terrorismo-Macron-Falle-sicurezza-in-uno-Stato-Ue-sono-rischio-per-tutti-02f6244c-3325-46f1-b075-c064714a92cb.html | rainews/live/ | true
MONDO

Mini-vertice con Kurz, Merkel, Rutte, von der Leyen e Michel

Terrorismo, Macron: "Falle nella sicurezza di uno Stato Ue sono un rischio per tutti"

"Dobbiamo lavorare a una revisione dello spazio Schengen"

Condividi

"Ogni falla della sicurezza alle frontiere esterne dell'Ue o in uno degli Stati membri è un rischio di sicurezza per tutti gli Stati membri". Così il presidente francese, Emmanuel Macron, prendendo la parola in conferenza stampa al termine del vertice in videoconferenza con il cancelliere dell'Austria Sebastian Kurz (che ha ricevuto all'Eliseo), con la cancelliera della Germania Angela Merkel, con il premier dell'Olanda Mark Rutte, nonché con la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen e con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Il vertice giunge circa una settimana dopo l'attacco di Vienna e a seguito dell'attentato di Nizza e della decapitazione del professore francese Samuel Paty alle porte di Parigi.

"Dobbiamo lavorare a una revisione dello spazio Schengen" ha dichiarato il presidente francese. "Non dobbiamo confondere la lotta al terrorismo con la lotta all'immigrazione irregolare, ma ci sono dei legami che dobbiamo considerare", ha dichiarato citando l'esempio dell'ultimo attentato di Nizza.

"Serve una risposta rapida e coordinata contro il terrorismo" ha aggiunto Macron. Per il presidente francese, questa risposta deve riguardare in particolare "lo sviluppo di banche dati comuni, lo scambio di informazioni e il rafforzamento delle politiche penali", e una "attuazione completa e rigorosa dell'arsenale di misure" che l'Europa ha già acquisito.

A proposito della lotta contro la propaganda terrorista e l'odio su internet, "le regole sul ritiro dei contenuti terroristici su internet entro un'ora devono essere assolutamente adottate nelle prossime settimane" ha sottolineato il presidente francese. "Sosteniamo la nuova legislazione della Commissione Ue contro contenuti d'odio per inizio dicembre".

Merkel: serve sapere chi entra ed esce in Schengen
"Dobbiamo sapere chi entra e chi esce dall'area Schengen" ha dichiarato la cancelliera tedesca, Angela Merkel. "Siamo fermi nel difendere le nostre società dai nemici della libertà", ha evidenziato. "Non si tratta di uno scontra tra islam e cristianesimo", ha precisato la cancelliera, che propone anche di "collaborare con i Paesi islamici per fronteggiare il terrorismo".

Von der Leyen: l'Ue è uno spazio unico di libertà, va difeso
"La nostra Unione  europea è uno spazio unico di libertà", che va "difeso" ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. In diretta da Bruxelles, Von der Leyen ha insistito sulla necessità "di agire insieme per lottare contro il terrorismo". Da parte sua, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha insistito, tra l'altro, sull'importanza di formare gli imam presenti in Europa.