Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Terrosismo-Isis-Francia-Juncker-e8982601-7cbc-4816-8494-1241e6335f27.html | rainews/live/ | true
MONDO

Juncker: le spese per il terrorismo fuori dal patto di Stabilità

Condividi
"La Francia deve affrontare gravi atti di terrorismo e deve affrontare spese supplementari che non devono avere lo stesso trattamento delle altre spese"
rispetto al Patto di stabilità ed il principio "vale anche per gli altri paesi". Lo dice Jean Claude Juncker annunciando di fatto la flessibilità per le spese per terrorismo.

"Non è vero che daremo tre miliardi alla Turchia, nel piano d'azione non è previsto che i tre miliardi andranno nelle casse della Turchia, ma saranno utilizzati per un'azione congiunta per aiutare i rifugiati", ha poi puntualizzato Juncker.

"Come François Hollande, considero l'Isis il nemico numero uno dell'Europa", ha quindi aggiunto il presidente della Commissione europea. "Mettiamo da parte i problemi che ci sono tra noi per concentrarci su questo problema, che se non non viene affrontato porterà l'Europa sull'orlo del baratro".