Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Turchia-Manifestazione-per-la-democrazia-opposizione-e-sostenitori-Akp-insieme-in-piazza-Taksim-9e1ff90d-2d10-46c3-af06-c1fb811aaf38.html | rainews/live/ | true
MONDO

Opposizione e Akp insieme a Istanbul

Turchia, "Manifestazione per la democrazia" in piazza Taksim

Migliaia di persone alla grande "manifestazione per la democrazia" organizzata dal principale partito di opposizione, il socialdemocratico Chp, dopo il fallito golpe in Turchia. Il raduno è stato autorizzato dal governo, che ha anche annunciato la sua partecipazione con alcuni esponenti del partito Akp. Il presidente Erdogan intanto fa sapere che gli arresti sono ormai più di 13mila

Condividi
Piazza Taksim
Migliaia di turchi si sono riuniti oggi a Piazza Taksim per affermare il loro impegno per la democrazia in Turchia, ma anche la propria opposizione allo stato di emergenza dichiarato dal presidente Recep Tayyp Erdogan dopo il fallito tentativo di colpo di Stato. 

Nel mare di bandiere rosse agitate a Piazza Taksim, si notano anche i ritratti di Mustafa Kemal Atatürk, il padre della Repubblica e figura tutelare del militanti di opposizione. "Difendiamo la Repubblica e la Democrazia", "La sovranità appartiene al popolo incondizionatamente", "No al colpo di Stato, sì alla democrazia", si legge su alcuni cartelli branditi dai presenti.

Al di là del rifiuto del colpo di stato, molte persone sembrano decise a esprimere la loro preoccupazione dopo l'imposizione dello stato di emergenza e la loro opposizione al presidente Erdogan: "Né colpo, né diktat, potere al popolo!", "La Turchia è laica e resterà così!", "Noi siamo i soldati di Mustafa Kemal", hanno scandito i manifestanti.

Piazza Taksim a Istanbul aveva iniziato a riempirsi di persone già due ore prima, tra rigide misure di sicurezza. La grande "manifestazione per la democrazia" è stata organizzata dal principale partito di opposizione, il socialdemocratico Chp, dopo il fallito golpe in Turchia ed è stata autorizzata dal governo, che ha anche annunciato la sua partecipazione con alcuni esponenti del partito Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan, mentre il Comune ha assicurato la gratuità dei trasporti per i manifestanti.

Erdogan: gli arresti saliti a oltre 13mila
È intanto salito a 13.165 il numero delle persone arrestate in relazione al tentativo di golpe in Turchia. Tra queste, 5.863 sono quelle di cui è stato già convalidato l'arresto. Lo ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan, specificando che si tratta di 8.838 militari (tra cui 123 generali e ammiragli), 2.101 magistrati, 1.485 poliziotti, 52 autorità amministrative e 689 civili.