Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Uber-per-la-prima-volta-supera-taxi-gialli-a-New-York-e1c963e8-3490-40f2-a82f-d2f420692aec.html | rainews/live/ | true
MONDO

Usa

Uber: per la prima volta supera i taxi gialli a New York

Spinta dai quartieri fuori Manhattan, da lì parte la metà delle corse

Condividi
Per la prima volta Uber ha superato i taxi gialli a New York. La spinta per la compagnia californiana arriva soprattutto dai quartieri fuori Manhattan (Brooklyn, Queens, Bronx e Staten Island), dai quali partono metà delle corse. Nel mese di luglio, secondo i dati riportati dal New York Times, Uber ha registrato una media di 289 mila corse giornaliere rispetto alle 277 mila dei taxi tradizionali.

Il risultato è arrivato soprattutto grazie alla strategia di potenziare la presenza fuori Manhattan, in particolare in zone dove i taxi sono rari e dove anche l'accesso ai trasporti pubblici è decisamente più limitato che nelle aree centrali della città.

"Uber è ovunque, quando penso al taxi penso a Uber, perché è la cosa migliore da usare adesso", ha spiegato Samantha Forrest, 22enne madre single che vive nel Bronx. Il suo quartiere, Soundview, enclave della 'working class', è una delle zone che registra la crescita maggiore dell'azienda californiana nella Grande Mela. Nella zona, infatti, le corse sono salite a una media di 6.132 a settimana in agosto, contro le 1.189 dell'anno precedente.

Depositato il ricorso contro il 'no' di Londra al rinnovo della licenza
E come promesso, Uber ha presentato oggi un ricorso contro la decisione dell'autorità comunale dei trasporti londinese, la Tfl, di non rinnovare la licenza del servizio di auto con conducente, nel fondamentale mercato della capitale britannica. Questo le permette di poter continuare a operare nei prossimi mesi nella metropoli e allo stesso tempo un portavoce della società Usa assicura la volontà di continuare nei "colloqui costruttivi" intrapresi con le autorità di Londra e, soprattutto, di risolvere i problemi che hanno portato al mancato rinnovo. In merito, era stato molto chiaro il 'ceo' di Uber, Dara Khosrowshahi, che aveva fatto un 'mea culpa' il mese scorso, promettendo di eliminare quelle pratiche giudicate non consone a un servizio per il pubblico da Tfl. La prima udienza del ricorso sarà molto probabilmente l'11 dicembre. .