Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Ucraina-Barroso-scrive-a-Putin-sulla-questione-gas-Preoccupati-per-rischio-interruzione-a-Ue-90e7d250-0070-436f-8aa3-6c3b2de2ef85.html | rainews/live/ | true
MONDO

La risposta alla lettera che Putin aveva inviato a 18 paesi europei

Ucraina, Barroso scrive a Putin riguardo al gas: "Preoccupati per rischio interruzione a Ue"

Per il presidente della Commissione europea è necessario trovare una soluzione negoziata e non decisioni initaliterali che metterebbero in dubbio l'affidabilità della Russia come fornitore dell'Unione europea

Condividi
Gazprom (Ansa)
Sulle forniture di gas dalla Russia all'Ucraina, e attraverso l'Ucraina all'Europa, è necessario trovare una soluzione negoziata, e non decisioni unilaterali che metterebbero in dubbio l'affidabilità della Russia come fornitore dell'Unione europea. Lo scrive il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, in una lettera inviata oggi al presidente Vladimir Putin, in risposta alla massiva di quest'ultimo dello scorso 10 aprile quando, rivolgendosi a 18 paesi europei, li metteva in guardia contro il rischio di una cessazione dei flussi di gas russo all'Ucraina a causa dei mancati pagamenti di Kiev a Mosca. "L'Unione Europea accoglie la sua proposta di consultazioni con la Russia e l'Ucraina riguardo alla sicurezza delle forniture di gas ed il transito" scrive il presidente della Commissione europea.
 
L'eventuale interruzione della fornitura del gas all'Ucraina da parte di Gazprom è "causa di seria preoccupazione, poiché comporta il pericolo di un’interruzione del servizio nell'Ue ed altri Paesi partner", scrive Barroso che chiede al presidente russo "di trattenersi dall'adottare tali misure".
 
"Nella sua lettera – scrive Barroso a Putin - si fa riferimento all'eccezionale debito sul gas di Naftogaz (la compagnia del petrolio e del gas ucraino, ndr) come causa contrattuale per Gazprom di passare a un regime di pre-pagamento che, nel caso non fosse onorato, potrebbe portare Gazprom a sospendere parzialmente o totalmente la fornitura di gas in Ucraina. Tale sviluppo è motivo di grave preoccupazione, poiché comporta il pericolo di una interruzione del servizio verso l'Unione europea e altri paesi partner".
 
"Per quanto riguarda le forniture di gas verso l'Europa, vorrei ricordare - sottolinea il presidente della Commissione Ue - che i contratti di fornitura sono stipulati tra le società europee e Gazprom, per cui continua ad essere responsabilità di Gazprom garantire gli approvvigionamenti dei volumi richiesti come concordato nei contratti di fornitura".
 
Putin: ancora un mese per pagamento debito ucraino legato al gas. Poi Mosca passerà a forniture con pagamenti anticipati
Mosca è pronta ad attendere ancora un mese per il pagamento del debito ucraino legato al gas russo, poi passerà al sistema di forniture con pagamenti anticipati: lo ha annunciato Putin in tv nella sua linea diretta col Paese, chiedendo all'Occidente di contribuire a risolvere il problema.