Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Ucraina-Blinken-preoccupati-da-azioni-e-retorica-Russia-segretario-di-Stato-americano-15c947d4-341c-4628-95cc-1b59004e6758.html | rainews/live/ | true
MONDO

Sale di nuovo la tensione RUSSIA-USA per l'Ucraina

Ucraina, Blinken: "Preoccupati dalle azioni e dalla retorica della Russia"

"Gli Stati Uniti sono preoccupati per l'attività militare inusuale della Russia al confine con l'Ucraina''. NYT: "Cresce minaccia di un nuovo conflitto militare"

Condividi
Risale la tensione tra Stati Uniti e Russia per la questione Ucraina. Il segretario di Stato americano, Antony John Blinken, durante una missione in Senegal, dice ai giornalisti: "Gli Usa sono davvero preoccupati per l'attività al confine con l'Ucraina". La dichiarazione segue di qualche ora un articolo apparso sul New York Times secondo il quale "l'intelligence Usa e britannica ritengono che il presidente russo Vladimir Putin sta considerando un'azione militare per prendere il controllo di una parte più ampia dell'Ucraina", "giocando un ruolo - continua l'articolo - in più crisi destabilizzanti contemporaneamente". 
 
Blinken: "Usa preoccupati per manovre Russia al confine"
Così il segretario di Stato americano: "Conosciamo la volontà di cercare di citare qualche illusoria provocazione da parte dell'Ucraina o di qualsiasi altro paese e usarla come scusa per ciò che la Russia intende fare".

NYT:" Cresce la minaccia di un nuovo conflitto militare"
Secondo il quotidiano Usa, "sulla scacchiera strategica di Putin ci sono una serie di mosse destabilizzanti: nel tratto d'Europa dal Mar Baltico al Mar Nero, dove Mosca e l'Occidente si contendono l'influenza da decenni, cresce la minaccia di un nuovo conflitto militare". 

Casa Bianca chiede a Russia de-escalation
Ieri un commento di tenore simile da Jen Psaki, portavoce della Casa Bianca: "Siamo preoccupati dalle attività militari russe al confine e la Casa Bianca chiede a Mosca di allentare le tensioni con Kiev". 

Putin: "Bombardieri occidentali a 20 km da confine russo"
Solo due giorni fa l'intervento del presidente russo Vladimir Putin che ha accusato l'Occidente di "aggravare le tensioni in Ucraina fornendo armi a Kiev e provocazioni con esercitazioni militari nel Mar Nero". Putin aveva accusato bombardieri occidentali di aver volato a 20 km dalle frontiere russe e messo in guardia dal superamento di una "linea rossa".

I precedenti: il blitz del 2014
Le intelligence americana britannica e di Kiev temono sempre di più che Vladimir Putin possa compiere un altro blitz militare in Ucraina, dopo l'annessione (incruenta) della Crimea nel 2014. Secondo quanto scrive il NYT: "Gli 007 Usa stanno ammonendo gli alleati che c'è una finestra temporale stretta per prevenirlo, spingendo i Paesi europei a definire insieme a Washington un pacchetto di misure economiche e militari per dissuadere il Cremlino". Il dossier Ucraina: secondo il quotidiano statunitense Joe Biden e Putin discuteranno sicuramente nel prossimo contatto diretto evocato dal portavoce del Cremlino dopo il loro summit di Giugno a Ginevra.   

"Mosca nega ogni piano di invasione"
Il Cremlino negherebbe ogni piano di invasione che possa ripetere la crisi del 2014, ma rivendica "il diritto di concentrare truppe nel proprio territorio", ed anzi contrattacca denunciando i "tentativi della Nato e della Ue di giocare con i militaristi in Ucraina". Ma secondo l'intelligence Usa - secondo le fonti americane ed europee del NYT - Putin sarebbe sempre più frustrato dall'interminabile processo di pace in Ucraina, concordato con Francia e Germania dopo l'annessione della Crimea, ed il sostegno dato alla rivolta separatista nel Donbass.