Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Unioni-civili-Mattarella-ha-promulgato-il-disegno-di-legge-Entrera-in-vigore-dopo15-giorni-dalla-pubblicazione-56af7857-4a90-46d5-95c0-ef572a3bf47f.html | rainews/live/ | true
ITALIA

In vigore 15 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Unioni civili: Mattarella ha promulgato il disegno di legge

​La legge riconosce per la prima volta i diritti e i doveri delle coppie omosessuali che vogliono unirsi civilmente. Per celebrare le prime unioni sarà necessario un decreto, da emanare entro 30 giorni

Condividi
Roma
Il disegno di legge sulle unioni civili è stato promulgato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Lo si legge sul sito del Quirinale.

​La legge riconosce per la prima volta i diritti e i doveri delle coppie omosessuali che vogliono unirsi civilmente e delle coppie eterosessuali e omosessuali che non vogliono sposarsi, ma solo registrare la loro convivenza. 

La legge approvata in via definitiva dalla Camera lo scorso 11 maggio, ora deve essere pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, per poi entrare in vigore trascorsi 15 giorni.

Cirinnà: Grazie al presidente per la sollecitudine
"Con la firma del presidente Mattarella della legge sulle unioni civili l'Italia ultima oggi una svolta storica sul fronte dei diritti. Ringrazio il presidente per la sollecitudine con la quale ha voluto adempiere a questo atto, rispondendo così anche alle sollecitazioni della Corte europea e alle osservazioni della Corte costituzionale per dare prontamente anche al nostro Paese una legislazione non discriminatoria nei confronti delle coppie dello stesso sesso". Lo dichiara Monica Cirinnà (Pd). "Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale la legge ora entra pienamente in vigore - aggiunge - Per celebrare le prime unioni adesso sarà necessario l'ultimo passo: quello di un decreto, da emanare entro 30 giorni,  che darà agli ufficiali dello stato civile tutte le indicazioni e le istruzioni per la celebrazione. Sono certa che il Consiglio dei ministri saprà provvedere in tempi rapidi, scrivendo definitivamente una delle più belle pagine della storia dei diritti in Italia".