Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Us-Open-Fognini-ok-eliminati-Gaio-e-Cecchinato-b3f881f0-5148-4a0d-a62e-9fba55a3f123.html | rainews/live/ | true
SPORT

New York

Us Open: Fognini ok, eliminati Gaio e Cecchinato

Buon esordio per Federer e Djokovic

Condividi
Fabio Fognini avanza al secondo turno degli Us Open, quarta ed ultima prova dello Slam in corso di svolgimento sui campi in cemento di Flushing Meadows. L'azzurro, numero 14 del ranking mondiale, ha eliminato 4-6, 6-2, 6-4, 7-6 (7-4), lo statunitense Michael Mmoh, numero 120 Atp, dopo 3 ore e 14 minuti di gioco.

Si ferma invece il cammino di Federico Gaio. L'azzurro numero 242 del mondo, passato dalle qualificazioni, nel suo debutto assoluto nel tabellone principale di uno Slam, ha ceduto al belga David Goffin, numero 10 Atp e decima testa di serie, 6-2, 6-4, 7-6 (7-5). In precedenza altri due azzurri avevano detto addio agli Us Open, Marco Cecchinato, ko 2-6, 7-6 (8-6), 6-3, 6-4 col francese Julien Benneteau, e Stefano Travaglia costretto al ritiro contro col polacco Hubert Hurkacz sul punteggio di 6-2, 2-6, 7-6 (8-6) 3-0 in favore del 21enne di Cracovia.

Anche i big  Novak Djokovic e Roger Federer hanno staccato il pass per il secondo turno degli Us Open. Vittoria non senza sofferenze per il serbo, risalito al numero 6 del ranking mondiale: ha rischiato di pagare a caro prezzo il caldo umido che sta facendo soffrire tanti dei protagonisti del torneo. Opposto all'ungherese Marton Fucsovics, numero 41 Atp, dopo un primo set in controllo il 31enne di Belgrado ha ceduto la seconda frazione e nella terza è stato sotto 4-2, con palla per un secondo break per l'avversario. Il vincitore di 13 Major ha saputo però trarsi d'impaccio dalla situazione delicata, prima che prendesse una piega ancora più pericolosa: Djokovic ha fatto suoi gli ultimi dieci game dell'incontro, finendo per prevalere per 63 36 64 60 in tre ore esatte di gioco.

'King Roger' ha esordito in serata, quando il caldo si era attenuato: 62 62 64 al giapponese Yoshihito Nishioka, numero 177 del mondo. Ancora più agevole è stato l'esordio del tedesco Alexander Zverev, che nell'incontro di chiusura della sessione pomeridiana ha spazzato via il canadese Peter Polansky, numero 119 Atp: 62 61 62 il punteggio con cui si è imposto il 21enne di Amburgo.