Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Usa-Isis-sta-sviluppando-armi-chimiche-Hollande-e-Obana-cercano-una-rapida-soluzione-per-la-Siria-Barack-Obama-e-Francois-Hollande-hanno-avuto-un-colloquio-telefonico-22a179d6-2b6c-4701-841b-e47056d998af.html | rainews/live/ | true
MONDO

Obama e Hollande oggi al telefono, tra 5 giorni si vedono

Usa: Isis sta sviluppando armi chimiche. Hollande e Obama per "rapida soluzione" in Siria

L'Isis sta perseguendo lo sviluppo di armi chimiche attraverso la realizzazione di una sezione dedicata alla ricerca e agli esperimenti con l'aiuto di scienziati siriani, iracheni e di altri Paesi della regione, lo annunciano funzionari dell'intelligence di Usa e Iraq. Intanto Barack Obama e Francois Hollande hanno avuto un colloquio telefonico anche se tra cinque giorni è previsto un viaggio del Presidente francese a Washington

Condividi
Parigi
L'Isis sta perseguendo lo sviluppo di armi chimiche attraverso la realizzazione di una sezione dedicata alla ricerca e agli esperimenti con l'aiuto di scienziati siriani, iracheni e di altri Paesi della regione. Lo riferiscono funzionari dell'intelligence di Usa e Iraq citati in forma anonima dalla Associated Press.

Questa mattina il primo ministro francese, Manuel Valls aveva già messo in guardia dal rischio di attacchi con armi chimiche e batteriologiche dicendo all'Assemblea nazionale "ci puo' essere anche il rischio di armi chimiche o batteriologiche. Pur rilevando che tali affermazioni vanno espresse "con molta prudenza", Valls ha aggiunto: "sappiamo che si possono verificare e ne siamo consapevoli".

Nel pomeriggio Barack Obama e Francois Hollande hanno avuto un colloquio telefonico parlando delle indagini sugli attentati di Parigi e della crisi in Siria. Lo ha comunicato una nota dell'Eliseo sostenendo che il Presidente francese ha aggiornato quello americano sull'inchiesta avviata a Pariri dopo le stragi compiute dall'Isis, sottolineando la necessità di una cooperazione reciproca e discusso le proposte per una "rapida soluzione" alla crisi siriana. Per la Casa Bianca  i due leader si sono impegnati a ''indebolire e sconfiggere l'Isis''. Hollande sara' a Washington il 24 novembre prossimo. 

L'obiettivo di Francois Hollande è quello di imprimere una forte spinta diplomatica affinché le potenze mondiali superino "i loro interessi a volte divergenti" per costruire una grande alleanza contro lo Stato Islamico. Di questo parlerà ancora il presidente francese nell'incontro fissato a Washington con Barack Obama e subito dopo volerà a Mosca da Vladimir Putin che questa grande coalizione in effetti invoca da mesi.