Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Usa-audizione-sull-aborto-alla-Corte-Suprema-in-piazza-manifestanti-a-favore-e-contro-b663561a-a2cf-4952-98a1-cc80100545e6.html | rainews/live/ | true
MONDO

Washington

Usa: audizione sull'aborto alla Corte Suprema, in piazza manifestanti a favore e contro

Il caso specifico di cui si occupa la Corte riguarda una legge del Mississippi che vieta l'aborto dopo 15 settimane di gravidanza, ma la sentenza, che è attesa a giugno, potrebbe avere conseguenze a livello nazionale. Biden: "Sostengo il diritto all'aborto" 

Condividi
Manifestanti davanti alla Corte Suprema Usa (Ansa)
Centinaia di manifestanti pro e contro l'aborto si sono raccolti nella piazza antistante la sede della Corte suprema degli Stati Uniti a Washington, dove si sono aperte le audizioni relative al diritto di aborto.

"Di chi è la scelta? Mia", è uno degli slogan ripetuti dai manifestanti pro-aborto. Mentre gli altri replicano con "Hey hey hey, ho ho ho, Roe v. Wade deve andarsene". Quest'ultimo slogan anti-aborto fa riferimento alla sentenza Roe v. Wade, del 1973, che ha garantito alle donne negli Usa il diritto all'aborto nei primi tre mesi di gravidanza e diritti limitati nel secondo trimestre. Il caso specifico di cui si occupa la Corte, noto come Dobbs v Jackson Women's Health Organization, riguarda una legge del Mississippi che vieta l'aborto dopo 15 settimane di gravidanza, ma la sentenza, che è attesa a giugno, potrebbe avere conseguenze a livello nazionale.

Il caso viene considerato dai moderati la migliore opportunità da decenni per ribaltare la Roe v. Wade. Anche se i giudici costituzionali non dovessero spingersi a questo punto, potrebbero spianare la strada a una serie di nuove restrizioni, il che costituirebbe una vittoria per attivisti anti-aborto e destra repubblicana.

Procuratore Mississippi: "La sentenza del 1973 avvelena la legge"
Le decisioni sull'aborto "perseguitano il nostro paese" e hanno "avvelenato la legge". Così Scott Stewart, procuratore generale del Mississippi, si è espresso, secondo quanto riportano i media Usa, nelle osservazioni che ha esposto davanti alla Corte suprema, riunita per discutere di una legge del Mississippi che vieta l'aborto dopo 15 settimane di gravidanza. Nell'analizzare il caso l'Alta corte, ora con una maggioranza moderata di 6 membri su 9, potrebbe ribaltare la storica sentenza del 1973 'Roe v. Wade' che ha stabilito il diritto all'aborto. Secondo tale decisione, riaffermata nel caso Planned Parenthood v. Casey del 1992, gli stati non possono vietare gli aborti prima del momento in cui il feto può sopravvivere al di fuori dell'utero, stabilito tra 22 e 24 settimane di gravidanza, mentre la legge del Mississippi mette fuori legge gli aborti dalla 15esima settimana di gravidanza.

Biden: "Sostengo il diritto all'aborto" 
Sulla questione si è espresso anche il presidente, Joe Biden, il quale ha ribadito il sostegno alla "Roe Vs Wade", dichiarandosi a favore del diritto all'aborto.