Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/app-shadow-errore-di-codice-ceo-si-scusa-32f30f7c-f826-4627-8d7c-8e70ae29704a.html | rainews/live/ | true
TECH

Si scusa il Ceo di Shadow

Iowa, un errore di codice e l'app getta i dem nel caos

Un bug - un errore di programmazione -  dell'app per raccogliere i dati la causa dei disservizi e ritardi nei risultati

Condividi
Mentre gli occhi della Nazione erano tutti puntati sui "caucus" nello Stato dell'Iowa, il partito democratico si affida a un'app per smartphone per rendere tutto più semplice. E' stato un completo disastro, racconta la stampa americana.

Il Los Angeles Times riporta le dichiarazioni di Gerard Niemira, il Ceo di Shadow, la società incaricata di creare l'app per avere i risultati in tempo reale. L'azienda si è assunta totalmente la responsabilità per l'accaduto: "Siamo sinceramente dispiaciuti per il ritardo dei risultati" e per lo stato di incertezza che si è creato . Ma ha anche ribadito che la raccolta dati è stata accurata, quello che non ha funzionato è stata la trasmissione di questi dati.

Niemira ha aggiunto che tutto è avvenuto a causa di un bug nel codice dell'app, che è stato scoperto e risolto alle 22 di domenica, quando ormai il danno era fatto.



Il partito democratico dell'Iowa aveva commissionato a Shadow Inc. - azienda tecnologica no-profit che aveva già lavorato per Hillary Clinton durante le presidenziali del 2016 - il compito di creare in meno di due mesi un'app in grado di aiutare a raccogliere i risultati in tempo reale.

Il sistema però non era stato testato sufficientemente e domenica sera è andato in tilt. I volontari non sapevano come usare l'app, molti non sono riusciti a scaricarla sul proprio smartphone, per cui hanno dovuto lavorare in modo tradizionale, usando il telefono per comunicare i dati.

In questo modo, il sistema informatico si è rivelato inutile e persino dannoso. Inoltre, per la prima volta i responsabili dei vari "caucus" dovevano comunicare non solo il risultato delle votazioni ma anche indicare la ripartizione dei delegati, il che ha creato ulteriore confusione e ritardo.