Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/apple-lavora-a-vettura-elettrica-3de04a7f-44cf-47e8-bbf6-5e363ced81b8.html | rainews/live/ | true
TECH

Mobilità

Apple lavora ad un'auto elettrica

Entro il 2024 la vettura sarà equipaggiata con batteria di Cupertino 

Condividi
Apple Inc sta andando avanti con lo sviluppo della tecnologia delle auto a guida autonoma e punterebbe al 2024 per la produzione di un veicolo passeggeri elettrico che potrebbe includere un rivoluzionario sistema di batterie, secondo quanto riportato da fonti 'Reuters' e da altri media del settore. Il progetto dedicato al settore automotive del produttore dell'iPhone, noto come "Project Titan", è andato avanti in modo irregolare dal 2014, quando la società ha iniziato a progettare il proprio veicolo da zero. Da allora, Apple sarebbe andata avanti abbastanza da puntare ora a costruire un veicolo pronto per i consumatori. Al centro della strategia di Apple vi sarebbe un nuovo design della batteria che potrebbe ridurre "radicalmente" il costo di produzione e aumentare l'autonomia del veicolo.
 
Realizzare un veicolo elettrico competitivo rappresenta una sfida perfino per Apple, un'azienda con immense risorse finanziarie e che produce centinaia di milioni di prodotti elettronici ogni anno con parti provenienti da tutto il mondo. Ci sono voluti 17 anni a Tesla di Elon Musk per trasformarsi in una azienda auto adeguatamente profittevole. "Se c'è un'azienda sul pianeta che ha le risorse per farlo, probabilmente è Apple. Ma allo stesso tempo, non stiamo parlando di un cellulare ", ha dichiarato alla "Reuters" una persona che ha lavorato al "Project Titan". Non è chiaro chi assemblerebbe un'auto a marchio Apple, ma fonti hanno affermato di aspettarsi che la società si affidi a un partner di produzione per costruire i propri veicoli. E c'è ancora una possibilità che Apple decida di limitare i suoi sforzi a un sistema per la guida autonoma che sarebbe integrato in un'auto prodotta da una casa automobilistica tradizionale. Due persone a conoscenza dei piani di Apple, citate dalla "Reuters", hanno avvertito che i ritardi legati alla pandemia potrebbero spingere in avanti l'inizio della produzione del nuovo veicolo al 2025 o oltre. Ad ogni modo, Apple - sempre secondo fonti interne - avrebbe deciso di rivolgersi a partner esterni per elementi del suo sistema di guida autonoma, inclusi i sensori lidar, che permettono alle auto di avere una visione tridimensionale della strada.
 
La nuova auto di Apple potrebbe essere dotata di più sensori lidar per la scansione di distanze diverse e alcuni sensori potrebbero basarsi su unità lidar sviluppate internamente dalla società, hanno aggiunto le fonti. I modelli Apple iPhone 12 Pro e iPad Pro rilasciati quest'anno sono entrambi dotati di sensori lidar. La 'Reuters' aveva precedentemente riferito che Apple aveva tenuto colloqui con potenziali fornitori di sistemi lidar, ma che stava anche esaminando la possibile costruzione di un proprio sensore. Per quanto riguarda la batteria dell'auto, Apple prevederebbe di utilizzare un design unico a "monocellula" che libererebbe spazio all'interno del pacco batteria, aumentando considerevolmente la possibile autonomia del veicolo secondo una delle fonti interne. "E' il prossimo livello", ha spiegato la fonte, commentando la tecnologia per le batterie di Apple. "Come la prima volta che hai visto un iPhone" ha aggiunto. Apple aveva precedentemente coinvolto Magna International Inc in trattative per la produzione di un'auto, ma i colloqui si sono interrotti quando i piani di Apple a riguardo sono diventati poco chiari. Per realizzare un profitto, i produttori a contratto automobilistici spesso pretendono ordini per volumi di produzione che potrebbero rappresentare una sfida anche per Apple, che sarebbe una nuova arrivata nel mercato automobilistico.
 
 "Per avere un impianto di assemblaggio che renda, bisogna produrre 100.000 veicoli all'anno, con un volume maggiore in previsione", secondo una fonte a conoscenza dei dettagli relativi alla trattativa con Magna. Alcuni investitori Apple hanno reagito con cautela a queste notizie sui piani dell'azienda. Trip Miller, managing partner dell'investitore di Apple Gullane Capital Partners, ha affermato che potrebbe essere difficile per Apple produrre grandi volumi di auto. "Ritengo che se Apple sviluppasse un sistema operativo avanzato o una innovativa tecnologia per la batteria, sarebbe meglio utilizzarli in una partnership con un produttore esistente su licenza", ha detto Miller.  Hal Eddins, chief economist dell'azionista di Apple, Capital Investment Counsel, ha affermato che Apple ha una storia di margini di manovra più elevati rispetto alla maggior parte delle case automobilistiche ma comunque ha spiegato: "La mia prima reazione come azionista è: eh?" Aggiungendo: "non vedo l'attrattiva del settore automobilistico, ma Apple potrebbe vedere la faccenda da un'altra prospettiva diversa dalla mia."