Original qstring: refresh_ce | /dl/archivio-rainews/articoli/boccia-monitoraggi-regioni-covid-d89cd865-b943-4053-a1b5-01bad6ee3584.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Il ministro a Cartabianca su Rai3

​Coronavirus, Boccia: Campania? Domani non succede nulla, da venerdì monitoraggi

Venerdì altri risultati e probabilmente nuove restrizioni

Condividi
"Domani non succede nulla. Il monitoraggio è in corso e, come concordato con le Regioni, partirà il venerdì". Così il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, ai microfoni di 'Cartabianca', su Rai3, parlando della condizione della Campania nell'emergenza Coronavirus.
"Il monitoraggio dei dati delle regioni continua, sulla Campania è in corso un approfondimento. Stiamo facendo molte valutazioni e sarà fatto tutto quello che serve. Se ci sono dati che in buona fede non sono stati trasmessi adeguatamente, si approfondisce", dice ancora Boccia.

"Venerdì ci saranno altri risultati e probabilmente ci saranno nuove restrizioni e così accadrà ogni settimana. Questo non significa non chiudere, ma intervenire ancora più sulla curva dei contagi, che come ha ricordato oggi il professor Locatelli è in diminuzione, ma non basta". Così il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia.

"C'è una decelerazione della crescita, ma noi dobbiamo chiederci se gli ospedali reggono e questo lo facciamo con il monitoraggio. Escludo che si possa fare un lockdown come quello di marzo o aprile, ma non escludo che ci siano misure ulteriormente più restrittive in alcune aree", ha aggiunto il ministro.

"Non esiste questa data del 15 novembre" per un eventuale lockdown, ha chiarito Boccia. E ha poi aggiunto: "Non è solo la curva dei contagi che dobbiamo guardare, dobbiamo soprattutto chiederci se le reti sanitarie reggono".