Original qstring: refresh_ce | /dl/archivio-rainews/articoli/catalogna-riunione-fiume-nella-notte-governo-catalano-diviso-1266dc25-beae-41e0-989f-4943cb20339c.html | rainews/live/ | true
MONDO

La crisi politica in Spagna

Catalogna, riunione fiume nella notte. Governo catalano diviso

Il presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, sarebbe orientato a dare il suo via libera alle elezioni anticipate. Lo sostengono diversi media catalani

Condividi
Ore convulse a Barcellona. La ipotesi di convocare elezioni anticipate per evitare il commissariamento di Madrid torna sul tavolo del presidente catalano Carles Puigdemont, che finora sembrava avviato verso una dichiarazione di indipendenza, riferisce La Vanguardia online. Il governo è riunito da due ore a palazzo della Generalità per cercare di delineare un accordo sulla risposta al premier spagnolo Mariano Rajoy.

Non sono bastate sette ore di riunione nella notte per trovare l'accordo. Nel palazzo della Generalitat, riferisce la stampa spagnola, per l'intera serata di ieri e fino a tarda ora, si sono susseguiti incontri e riunioni: il presidente catalano Carles Puigdemont ha visto i membri del suo gabinetto, i leader dei partiti che formano la sua maggioranza e le diverse entità sovraniste che hanno appoggiato il referendum del 1 ottobre.

Tra poche ore inizia la seduta della commissione del Senato spagnolo che comincerà a esaminare i documenti che riguardano il ricorso all'articolo 155 della Costituzione: Puigdemont, che in mattinata prosegue le sue consultazioni, ha deciso ieri di non andare a riferire dinanzi al Senato e si trova stretto tra la richiesta della componente della sinistra indipendentista della Cup e di Esquerra Repubblicana, che chiedono la proclamazione unilaterale dell'indipendenza e della Repubblica e alcuni moderati della PDeCat che invece vogliono che la decisione sia accompagnata da elezioni.

Nessuno dei dirigenti che ha partecipato ai vertici notturni ha voluto fare dichiarazioni pubbliche. La decisione è nelle mani del presidente della Generalitat, che nella tarda serata ha pubblicato un tweet con l'hashtag 'Catalan Republic', in cui scrive "Non perderemo tempo con quelli che vogliono sconfiggere l'autogoverno della Catalogna. Andiamo avanti".

Madrid pensa a un tecnico per applicare le misure dell'articolo 155
Una figura con un profilo più tecnico che politico e molto probabilmente di origine catalana. Questo l'identikit della persona che sarà indicata dal primo ministro spagnolo Mariano Rajoy per guidare la commissione che dovrà applicare le misure dell'articolo 155 della Costituzione. Secondo El Pais, l'esecutivo sta pensando di affidare l'incarico a una figura del genere per evitare possibili azioni giudiziarie. Rajoy, aggiunge il quotidiano di Madrid citando fonti di governo, cerca la forma "meno invasiva" possibile in vista dell'applicazione dell'articolo 155. Le misure saranno votate domani dal Senato spagnolo e entreranno in vigore immediatamente. La prima conseguenza sarà la cessazione dell'incarico del presidente catalano Carles Puigdemont e del suo governo.