Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/christine-lagarde-covid-bce-cambiamento-climatico-lincei-3894c7de-30d5-4aa2-b8b3-07bcb7b2abd0.html | rainews/live/ | true
MONDO

La lectio magistralis all'Accademia dei Lincei

Christine Lagarde: "Solo lavorando insieme possiamo costruire speranza per un futuro migliore".

La crisi dovuta alla pandemia "potrebbe essere solo una prova generale per quello che la minaccia del riscaldamento climatico rappresenterà per tutti"

Condividi
Christine Lagarde, presidente della BCE, nella sua lectio magistralis all'Accademia dei Lincei  si è soffermata sulla lezione fondamentale insegnata dalla crisi attuale e  cioè che "non possiamo permetterci di operare con uno schema che confina il nostro lavoro dentro sfere distinte. In un'economia globale più interconnessa, la cooperazione intersettoriale e multilaterale è più importante che mai".  La Presidente Lagarde ha parlato di sfide che trascendono i confini nazionali, come la pandemia,  che "si sono intensificate in almeno tre modi: la loro estensione, la complessità e il potenziale di amplificarsi" se non gestite.

"Questa è la realtà  che abbiamo davanti in un mondo in cui le nostre sfide comuni ci legano assieme. I benefici del mettere assieme le forze della scienza, delle politiche e del pubblico per realizzare il nostro pieno potenziale sono enormi. Solo lavorando insieme in tutte queste aree possiamo attingere alla nostra forza e costruire speranza per un futuro migliore".

"Separare la verità dalla falsità è un tema della politica da secoli. Ora è più difficile che mai distinguerle, nella pandemia abbiamo visto come velocemente si può diffondere la disinformazione, ad esempio sui vaccini. Le sfide principali che affrontiamo sono sempre più globali e complesse. Comprendere le interconnessioni è una condicio sine qua non. Le politiche devono impegnarsi alla ricerca della verità. Le analisi dei politici devono ridurre la complessità. Non possiamo affrontare le sfide di oggi in un mondo di fake news. Le sfide si affrontano  integrando le analisi scientifiche nelle politiche". 

La crisi Covid "potrebbe essere solo una prova generale per affrontare il rischio climatico, e la minaccia che il riscaldamento climatico rappresenterà per tutti. Dobbiamo non solo avere a che fare con la perdita dell'ecosistema, alcune regioni sono toccate dal cambiamento climatico con diverse portate. Servono misure eccezionali e complesse. Gli choc globali si amplificano in una economia globale integrata. Internet amplifica le cattive informazioni e questo può rendere lo choc globale ancora più grave. Col Covid c'è stato un aumento del cinismo, e tutti si chiedono di chi ci si può fidare. Come si propagherà il Covid, cosa crederà la gente: sono queste le sfide. Vediamo come integrare la scienza con la politica può rappresentare una svolta. Bisogna fare fronte alle emergenze con le evidenze scientifiche, per questo serve una nuova governance e può proteggere la economia. Nel 2020 le pubblicazioni sul Covid si sono raddoppiate ogni 20 giorni. Le banche centrali hanno una responsabilità ancora maggiore, dobbiamo basarci solo sulle evidenze nelle nostre decisioni", aggiunge.