La legge, varata della Regione Lombardia circa un anno fa, contiene una serie di norme urbanistiche particolarmente restrittive per la costruzione di nuovi luoghi di culto. Il testo era stato impugnato dal Governo davanti alla Corte Costituzionale, perché secondo l'esecutivo violerebbe diversi articoli della Costituzione, tra cui i principi di uguaglianza dei cittadini e delle confessioni religiose. Ieri la Consulta ha bocciato la legge. Le motivazioni si conosceranno nelle prossime settimane.   Per il segretario del Pd lombardo, Alessandro Alfieri, la bocciatura da parte della Corte costituzionale della legge della Regione Lombardia sulle moschee non è una sorpresa. "L'avevamo detto, Maroni è un gran pasticcione che fa leggi solo per motivi ideologici. Ora è tutto da rifare" ha commentato da Lodi, in attesa del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. "Noi siamo per la libertà di culto e per rafforzare la sicurezza, lui fa solo battaglie ideologiche".  

Consulta boccia la legge di Regione Lombardia che impone limiti e regole per MOSCHEE e altri luoghi di culto.
E brava la CONSULTA ISLAMICA.

— Matteo Salvini (@matteosalvinimi) 24 Febbraio 2016
">
Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/consulta-legge-moschee-bocciata-maroni-b094bdb7-f741-43d4-b53c-3ec56605e0c7.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Consulta boccia legge anti-moschee, Maroni: sinistra esulta Allah Akbar

Condividi
"La Consulta ha bocciato la nostra legge che regolamentava la costruzione di nuove moschee. La sinistra esulta: Allah Akbar". A scriverlo sul suo profilo Twitter, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni dopo che la Consulta ha accolto il ricorso del governo contro il provvedimento del Pirellone, ribattezzato "anti-moschee" che di fatto rendeva più difficile la realizzazione di nuovi centri di culto.  




La legge, varata della Regione Lombardia circa un anno fa, contiene una serie di norme urbanistiche particolarmente restrittive per la costruzione di nuovi luoghi di culto. Il testo era stato impugnato dal Governo davanti alla Corte Costituzionale, perché secondo l'esecutivo violerebbe diversi articoli della Costituzione, tra cui i principi di uguaglianza dei cittadini e delle confessioni religiose. Ieri la Consulta ha bocciato la legge. Le motivazioni si conosceranno nelle prossime settimane.   Per il segretario del Pd lombardo, Alessandro Alfieri, la bocciatura da parte della Corte costituzionale della legge della Regione Lombardia sulle moschee non è una sorpresa. "L'avevamo detto, Maroni è un gran pasticcione che fa leggi solo per motivi ideologici. Ora è tutto da rifare" ha commentato da Lodi, in attesa del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. "Noi siamo per la libertà di culto e per rafforzare la sicurezza, lui fa solo battaglie ideologiche".