Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/coronavirus-Aifa-approva-ricerca-sugli-anticorpi-monoclonali-c1600838-836c-4882-9982-6f905e80d9ad.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La lotta alla pandemia

Covid-19, c'è l'ok dell'Aifa: parte la ricerca sugli anticorpi monoclonali

"Approvata su Eli Lilly e Regeneration, quelli con cui è stato curato Trump" dice il presidente dell'Agenzia italiana del farmaco, Giorgio Palù

Condividi

"Anche l'Italia partirà con un progetto ricerca sugli anticorpi monoclonali, su Eli Lilly e Regeneron, quelli con cui è stato curato Trump". Lo ha annunciato il presidente dell'Aifa Giorgio Palù. "Ieri sera - ha aggiunto - il cda Aifa ha approvato la ricerca. Sono terapia, non sono prevenzione. Essendo antivirali vanno dati entro le prime ore dall'esordio dei sintomi, altrimenti non sono efficaci. Possono essere una risorsa per curare i pazienti a casa".

Il virus varia, ma i vaccini neutralizzano
"La variante del Coronavirus è l'evento logico di qualsiasi virus che si diffonde: più si replica, più muta" ha ribadito Palù. "Il virus è cinese - ha sottolineato - ce l'hanno detto loro, anche se per 4-5 mesi non ci hanno detto che si trasmetteva da uomo a uomo, e l'Oms non è riuscita a tornare con uno straccio di prova. Da molti studi, alcuni in 'pre-print, siamo certi che i vaccini e i sieri dei vaccini neutralizzano le varianti. Nessuno degli inglesi vaccinatisi è infettato con la variante inglese. Se c'è qualche dubbio è su quella sudafricana, da AstraZeneca ci dicono che servono titoli più elevati per neutralizzarla, ma si neutralizza".