Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/coronavirus-fontana-non-si-puo-mollare-soprattutto-milano-cambiamento-rotta-forse-giovedi-08790221-a58b-40fb-8b3a-b39410756ed2.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Dati sul contagio "leggermente in crescita" rispetto a ieri

Fontana: "Non si può mollare, soprattutto a Milano. Cambiamento di rotta forse giovedì"

"Io penso si inizierà a vedere i cambiamenti giovedì, dopo una settimana e qualche giorno dall'inizio dei provvedimenti. I comportamenti sono un po' cambiati, non ancora in modo sufficiente"

Condividi
I dati sul contagio da Coronavirus sono "leggermente in crescita" rispetto a ieri: lo ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana aggiungendo che risultati si inizieranno a vedere intorno "a giovedì", cioè ad una settimana dalle nuove misure.   I comportamenti della gente, ha aggiunto, "sono cambiati ma in maniera non ancora sufficiente. Dopo qualche giorno l'atteggiamento diventa più lasco" e qualcuno pensa "a fare una passeggiata, o la spesa anche se non ha bisogno". "Invece  non si può mollare. E questo - ha concluso - vale per tutta la Lombardia e ancora un po' più per Milano".
 
Cambiamento di rotta forse giovedì
 "Il cambiamento di rotta ci sarà quando si vedrà l'efficacia delle misure. Io penso si inizierà a vedere i cambiamenti giovedì, dopo una settimana e qualche giorno dall'inizio dei provvedimenti. I comportamenti sono un po' cambiati, non ancora in modo sufficiente", ha detto Fontana.
 
Non si può ancora tornare alla vita normale
"Non si può ancora mollare l'attenzione, non si deve ancora ritornare alla vita normale", ha detto il governatore della Lombardia Attilio Fontana durante il punto stampa sull'emergenza coronavirus. "La rigorosità non va mantenuta, ma implementata - ha aggiunto - Non bisogna fare i furbi".

Mi associo a Sala, a Milano serve più rigore
"Credo che sia giusto quello che dice il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Milano ha bisogno di ancora più di rigore. Qui ci sono tante persone in una zona abbastanza piccola che potrebbero avere conseguenze anche gravi. Mi associo quindi a Sala. Quello che dico vale per tutta la Lombardia, ma ancora di più per Milano". Così il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, unendosi all'appello del sindaco che ha invitato i suoi concittadini a rispettare rigorosamente le norme imposte per evitare una un'impennata di casi a Milano.
 
Accelerazione per ospedale Fiera
 "C'è stata una notevole accelerazione per la realizzazione dell'ospedale in Fiera Milano. Sono ottimista, aspettiamo le ultime risposte sui respiratori". "Oggi abbiamo avuto una riunione operativa con il team di Bertolaso  con i nostri tecnici e gli  assessori sulla realizzazione dell'ospedale in Fiera Milano- ha riferito Fontana.- Sono stati costituiti gruppi specifici per le varie esigenze, dal reperimento dei macchinari, dei medici, alla definizione del progetto" ha aggiunto prima di dirsi "ottimista" per la realizzazione dell'ospedale.
 
40 respiratori dalla Croce Rossa
Ieri iniziavamo a essere vicini alla fine dei letti in Rianimazione, ma insieme al presidente della Croce Rossa, Francesco Rocca, abbiamo fatto delle telefonate. Così la Cri ci ha fatto avere durante la notte 40 respiratori che ci danno possibilità di andare avanti". L'ha raccontato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, parlando ai giornalisti in un punto stampa nella sede della Giunta. "In queste ultime 24 ore sono successi tanti fatti che dimostrano la grandissima solidarietà dei nostri cittadini e l'impegno di organizzazioni importanti".
 
Solidarietà, donazioni da 5 a 10 milioni di euro
"Abbiamo avuto offerte e donazioni che vanno dai 5 euro ai 10 milioni". Il  governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha ringraziato le numerose persone e organizzazioni che hanno donato risorse alla Regione per fronteggiare l'emergenza coronavirus. "Ringrazio, oltre a chi sta lavorando sul campo, come medici e infermieri, anche gli imprenditori che si mossi, anche con risorse importanti" ha detto, citando la Fondazione Invernizzi, il dottor Caprotti (patron di Esselunga, ndr), il dottor Berlusconi, la Fondazione Veronesi. Ma anche i gruppi Allianz e Sapio, "che sono intervenuti in maniera diretta per la realizzazione dell'ospedale alla Fiera di Milano". Tutto questo, ha detto Fontana, è "la dimostrazione di una grande solidarietà' che ci aiuta con importanti risorse, ma ci fa anche sentire di più la vicinanza di tanti cittadini".