Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/coronavirus-oms-alcuni-paesi-non-fanno-nulla-trump-falsi-dati-oms-mortalita-cac72ddc-9590-4a08-8ed7-d9464435a5da.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il direttore dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus

Coronavirus, Ghebreyesus: alcuni paesi non fanno nulla. Trump: falsi i dati Oms sulla mortalità

Il presidente Usa dice di avere l'impressione che il tasso di mortalità al 3,4% sia un "numero falso", ma la Casa Bianca sta considerando un piano per pagare i medici che curano i pazienti senza assicurazione sanitaria. Dodicesimo morto in Usa, prima vittima nel Regno Unito, quarantena per chi arriva dall'Italia

Condividi
Ghebreyesus (LaPresse)
"Bisogna prepararsi a ogni eventualità, ma non dobbiamo abbandonare nessuna strategia di contenimento. La cosa peggiore che può succedere ai Paesi o alle persone è 'mollare'. L'Oms dice non mollate, non arrendetevi, usate approcci collettivi, fare tutto quello che potete per contenere, poi se non ci si riuscirà, vedremo". Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus. "E' necessario un approccio comprensivo, che deve essere sostenuto da un impegno politico ai livelli più alti. L'intervento politico deve essere chirurgico e solo così può avere il più grande impatto", ha aggiunto.

Oms accusa: alcuni paesi non fanno nulla
"Siamo preoccupati per il fatto che una lunga lista di paesi non abbiano preso abbastanza sul serio" il coronavirus che ha ucciso 3.300 persone nel mondo "o abbiano deciso che non possono fare nulla": ha detto ancora  Ghebreyesus. "Siamo preoccupati - ha aggiunto - che in alcuni paesi il livello di impegno politico e le azioni che dimostrano tale impegno non corrispondano al livello della minaccia che tutti affrontiamo”.

Salgono a 12 i morti in Usa
I numeri dei decessi legati al diffondersi del coronavirus negli Usa sale a 12. L'ultima vittima ancora nello stato di Washington, nella contea in cui si trova la casa di riposo in cui è avvenuta la gran parte degli altri decessi. 

Trump: falsi i dati Oms sulla mortalità
Le parole del direttore dell'Oms sembrerebbero una risposta alle affermazioni del presidente statunitense Donald Trump che ha affermato, in una intervista a Fox che il tasso di mortalità del 3,4% di cui parla l'organizzazione mondiale della sanità per il coronavirus è un "numero falso". "È una mia impressione basata sulle conversazioni che ho avuto con molta gente" spiega quindi Trump, osservando come molte delle persone che contrarranno il coronavirus "si riprenderanno rapidamente, senza neanche vedere il medico".​

Casa Bianca valuta azione per americani senza sanità
Dall'altra parte, il coronavirus rischia di mettere a dura prova i fondamentali del sistema sanitario americano, non tanto in termini di strutture ma in termini di costi. È una preoccupazione che non sfugge all'amministrazione Trump: e secondo indiscrezioni, la Casa Bianca sta considerando la possibilità di usare un programma nazionale per i disastri naturali per pagare gli ospedali e i medici che curano pazienti che non hanno l'assicurazione sanitaria. Nel 2018 circa 27,5 milioni di americani, l'8,5% della popolazione, non aveva un'assicurazione sanitaria, neanche temporanea.

Seattle chiude le scuole per 15 giorni
Intanto, la paura del coronavirus comincia a crescere anche negli Usa e a Seattle, una delle aree più colpite con 27 casi accertati e 10 vittime, l'amministrazione cittadina ha deciso di chiudere le scuole per due settimane.

13 casi accertati a New York
I casi di infezione da Coronavirus a New York sono più che raddoppiati in meno di 24 ore salendo a 13. Lo ha reso noto il sindaco Bill De Blasio. Primo caso anche in New Jersey, nell'area metropolitana proprio di fronte Manhattan, dove è stato trovato positivo un trentenne.

Prima vittima nel Regno Unito
Il Regno Unito ha annunciato la prima morte a causa dell'epidemia del nuovo coronavirus, una persona anziana che era già malata e che - a quanto risulta - è stata contagiata nel Paese. "Purtroppo un paziente risultato positivo al Covid-19 è morto", ha dichiarato un portavoce del Dipartimento della Salute del Regno Unito. Le autorità britanniche hanno disposto la quarantena per chi arriva dall'Italia.

I numeri del contagio nel mondo
Sono oltre 80 i Paesi dove a oggi sono stati accertati casi di contagio da coronavirus: è il dato che emerge da una mappa in costante aggiornamento elaborata dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), rete di riferimento degli Stati Uniti per il controllo sanitario. Secondo le stime, nel mondo l'epidemia ha colpito piu' di 95.400 persone. Almeno 3.280 i morti accertati, 268 dei quali al di fuori della Cina, il Paese primo focolaio. Secondo i Cdc, la trasmissione del virus sta colpendo in particolare anche Corea del Sud, Giappone, Italia e Iran, "alimentando timori di pandemia". Secondo l'ultimo conteggio, ci sono 95.416 contagiati di cui 80.409 in Cina, gli altri 15.007 sono sparsi nel mondo. I principali focolai sono in Corea del Sud (6.088), Italia (3.089) e Iran (2.922). Raccomandazioni specifiche riguardano i viaggi. Secondo la rete americana, bisogna evitare quelli "non essenziali" in Cina, Corea del Sud, Italia e Iran. Nella serata di ieri provvedimenti di "emergenza" sono stati adottati anche in California a seguito del primo decesso collegato al coronavirus. Negli Stati Uniti finora i morti accertati a causa dell'epidemia sono 11. 

Capua: dalla Cina epidemia ha seguito 3 vie
A partire dall'epicentro dell'epidemia, in Cina, il coronavirus ha seguito tra vie per diffondersi nel resto del mondo: una diretta in Europa, una verso gli Stati Uniti e la terza verso Sud, verso Corea e Australia. Lo ha detto all'Ansa la virologa Ilaria Capua, direttrice del centro 'One Health' dell'università della Florida, sulla base delle oltre 150 sequenze genetiche dei coronavirus finora pubblicate. "Va sfatato il mito che l'Italia abbia diffuso il virus", ha aggiunto.

In Germania primo focolaio europeo
Il coronavirus Sars-Cov-2 è entrato in Europa più volte e il primo focolaio potrebbe essere quello isolato in gennaio in Germania, a Monaco. Lo indica la mappa genetica pubblicata sul sito Netxstrain, fondato e diretto dal gruppo guidato da Trevor Bedford, del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle. La mappa, che ricostruisce una sorta di albero genealogico del virus, indica che il focolaio tedesco potrebbe avere alimentato silenziosamente la catena di contagi al punto da essere collegato a molti casi in Europa e in Italia. 

Shanghai, 15 italiani destinati alla quarantena
Sono 15 gli italiani che sono stati destinati oggi a Shanghai al periodo di 14 giorni di quarantena, in linea con le regole annunciate martedì per contrastare il contagio di ritorno, le infezioni portate in Cina da viaggiatori provenienti da paesi affetti dal contagio di Covid-19. Secondo quanto appreso dall'Ansa, i connazionali, originari in prevalenza dal nord Italia, sono arrivati in giornata a Shanghai via Francoforte e, dopo i controlli, gli sarebbero stati ritirati i passaporti per le procedure sull'auto-isolamento. La vicenda è seguita per competenza dal consolato italiano di Shanghai. Nei giorni scorsi, anche la provincia del Guangdong e Pechino hanno deciso nuovi protocolli d'ingresso per i viaggiatori in arrivo da aree a rischio. A Shanghai, la quarantena è applicata a tutti coloro che sono giunti da paesi "con condizioni sul virus relativamente gravi" a prescindere dalla nazionalità, ha precisato martedì Xu Wei, portavoce del governo metropolitano, parlando nel corso di un briefing con i media.

Tornati 7 italiani bloccati in India
"I sette risultati negativi al test del Coronavirus sono già rientrati ieri a casa con un volo da Delhi che ha fatto scalo ad Abu Dhabi". Lo ha detto all'Ansa Stefano Taravella, uno dei 14 turisti italiani  di una comitiva di 23 bloccati in India perché positivi al coronavirus. "Questo virus va alla cieca - ha aggiunto -, perché ha separato le coppie. Mia moglie, per esempio, è negativa ed è rientrata" assieme ad un'altra moglie ed un marito di persone che sono ancora in India. "Siamo tutti over 60", ha concluso Taravella. 

Grecia, 21 nuovi casi su bus da Israele
Atene annuncia 21 nuovi casi di coronavirus, di passeggeri che si trovavano tutti all'interno dello stesso bus proveniente da Israele.Il ministero israeliano della sanità ha confermato di aver appreso che fra i componenti di una comitiva di turisti greci che ha visitato Israele fra il 19 e il 27 febbraio alcuni membri sono risultati essere positivi al coronavirus una volta rientrati in patria. Il ministero ha aggiunto che quei turisti hanno visitato anche i territori palestinesi. Secondo fonti stampa palestinesi sarebbero passati anche da Betlemme, dove oggi è stata proclamata una emergenza sanitaria. Israele e l'autorità nazionale palestinese - ha precisato il ministero - si stanno scambiando informazioni per ricostruire nei minimi dettagli tutti gli spostamenti di quella comitiva che saranno resi noti nelle prossime ore per stabilire chi - avendola incontrata - debba adesso entrare in quarantena. 

Il virus arriva nei Territori palestinesi, 4 casi a Betlemme
Il virus è arrivato anche nei Territori palestinesi: secondo la stampa israeliana, sono quattro i contagi, tutti riconducibili a un hotel nella zona di Betlemme. Lo staff è stato messo in quarantena a casa. Più cauta l'agenzia di stampa palestinese Wafa che rilancia il ministero della Salute secondo il quale non sono ancora arrivate le conferme dai test effettuati. Le autorità hanno esortato i cittadini a restare calmi e a seguire le precauzioni indicate per evitare il diffondersi del Covid-19.
 
In Iran chiuse palestre e cancellate competizioni fino al 2 aprile. Chiuse scuole e atenei per un mese
Le autorità iraniane incaricate di gestire l'emergenza coronavirus hanno ordinato la chiusura delle palestre e la cancellazione di tutte le competizioni sportive nel Paese, nel tentativo di contenere l'epidemia. Lo riporta l'agenzia Irna, spiegando che il provvedimento riguarda tutti gli eventi sportivi fino al 2 aprile, vale a dire dopo le festivita' di Nowruz, il Capodanno iraniano. L'Iran ha  inoltre deciso di chiudere tutte le scuole e le università per un mese.



In Iran oltre 3.500 contagi e 107 morti
Il ministero della Salute iraniano ha aggiornato a 3.513 i casi di contagio di Covid-19 nel Paese e a 107 il numero dei decessi. Secondo il nuovo bollettino, sono 591 i casi di contagio registrati nelle ultime 24 ore, di cui 15 sono deceduti. Lo riportano i media locali. 

Primo morto in Svizzera
Primo decesso legato al coronavirus in Svizzera. Si tratta di una 74enne morta stamane nel canton Vaud. Secondo le autorità, la vittima era una persona ad alto rischio, in quanto soffriva di una malattia cronica, come riporta stamane il Corriere del Ticino.
 
Oltre 6000 casi in Corea del Sud
Superano quota seimila i contagi da coronavirus in Corea del Sud, con gli ultimi 322 nuovi casi confermati dalle autorità sanitarie di Seul. In precedenza, erano stati confermati 438 casi, che sommati ai casi segnalati oggi portano il totale dei contagi a quota 6.088 nel Paese asiatico. Toccano quota 40 i decessi nel Paese dallo scoppio dell'epidemia di Covid-19. Intanto il leader nordcoreano Kim Jong Un ha inviato una lettera personale al presidente sudcoreano Moon Jae-in nella quale esprime "quieto sostegno" alla lotta di Seoul per sconfiggere l'epidemia provocata dal nuovo coronavirus. L'ha comunicato oggi la presidenza sudcoreana."Il leader del Nord ha detto che sosterrà quietamente la lotta della Corea del Sud contro COVID-19, oltre a esprimere costante amicizia e fiducia per Moon", ha spiegato Yoon Do-han, un portavoce della presidenza sudcoreana. In risposta, Moon ha inviato a Kim una lettera in cui esprime gratitudine. La Corea del Nord non dichiara alcun contagiato da coronavirus, anche se ci sono fondati sospetti che la situazione non sia proprio questa. Lunedì ha lanciato due proiettili in mare, descritti come "pezzi di artiglieria", mentre Seoul ritiene si tratti di due missili balistici a corto raggio.

Polemiche in Corea del Sud per privacy
La Corea del Sud ha adottato un sistema che avverte la popolazione in tempo reale su dove vengono registrati nuovi casi di coronavirus, fornendo informazioni dettagliate sugli ultimi spostamenti delle persone risultate positive ai test. Il sistema consente di sapere se vi siano rischi di esser stati contagiati, in un Paese con oltre 6 mila casi, ma sta avendo pesanti ricadute sulla tutela della privacy dei malati: pur non indicandone nomi o indirizzi, infatti, i pazienti sono spesso facilmente identificabili incrociando età, quartieri e attività e vedono così le loro vite messe in piazza.
 
Cina, stanziati 14,3 miliardi di euro contro epidemia
La Cina ha stanziato 110,48 miliardi di yuan (14,3 miliardi di euro) per la prevenzione e il controllo dell'epidemia di coronavirus nel Paese. Lo ha dichiarato il vice ministro delle Finanze cinesi, Xu Hongcai, che ha assicurato che la Cina può garantire fondi sufficienti e che lo stato delle finanze delle amministrazioni locali e' "in generale stabile".
 
Tokyo, rinviata visita di Stato di Xi
La visita di Stato del presidente cinese, Xi Jinping, in Giappone e' stata rinviata a causa dell'epidemia di coronavirus. Lo hanno annunciato le autorità giapponesi. La visita di Xi era prevista dal 6 al 10 aprile e sarebbe stata la prima di un presidente cinese in Giappone dal 2008.
 
Bosnia, primo caso in entità serbo-bosniaca
Un primo caso di contagio da coronavirus è stato registrato nella Republika Srpska, l'entità a maggioranza serba della Bosnia-Erzegovina. Lo ha annunciato stamane il locale ministero della Sanità a Banja Luka, come riferito dai media serbi. Non sono stati forniti particolari sul paziente.
 
Secondo  caso di contagio in Marocco: donna di origine marocchina arrivata dall'Italia  
Secondo caso di contagio da coronavirus in Marocco: una donna ora ricoverata all'ospedale di Casablanca è risultata positiva ai test, secondo quanto reso noto dal ministero della Salute del Paese.   La donna, di origine marocchina, era arrivata ieri dall'Italia, dove risiede.
 
Hong Kong, evitate di baciare animali da compagnia
Evitate di baciare i vostri animali da compagnia: è l'avvertimento lanciato dalle autoritaà di Hong Kong dopo che il cane di un contagiato è stato trovato positivo al coronavirus, nel primo probabile caso di trasmissione uomo-animale. "I proprietari di animali domestici non devono essere eccessivamente preoccupati e in nessun caso devono abbandonarli", ha affermato il dipartimento dell'Agricoltura di Hong Kong.     L'invito è stato quello di "adottare buone pratiche igieniche (incluso il lavaggio delle mani prima e dopo essere stati in giro o aver maneggiato animali, cibo o provviste, oltre a evitare di baciarli) e di mantenere un ambiente domestico pulito e igienico".
 
Secondo caso in Arabia Saudita
Le autorità sanitarie dell'Arabia Saudita hanno  registrato un secondo caso di coronavirus nel Regno. Si tratta di un  cittadino rientrato dall'Iran attraverso il Bahrein, ha spiegato il  ministero della Sanità di Riad citato dall'agenzia di stampa Spa. Alla frontiera, l'uomo non ha dichiarato di provenire dall'Iran e di aver  viaggiato insieme al primo contagiato segnalato lunedì in Arabia  Saudita. I due si trovano attualmente in quarantena in ospedale.   

Dall'Austria alla Svezia
​In Austria 8 nuovi casi, 37 in Russia con un italiano ricoverato, 21 nuovi casi in Grecia. In Francia 2 decessi e 92 contagi. In Olanda contagi raddoppiati. 3 casi alla Nato in Belgio, a Stoccolma 28 nuovi casi sui 90 totali della Svezia.